La scomparsa di Oskar Schindler, audiologo e foniatra di valenza internazionale

«Innovatore e bravissimo medico, non ha mai perso la generosità e la capacità di mettere il suo tempo e le sue competenze a disposizione degli altri. Grande divulgatore scientifico e docente, aveva una rara qualità, quella di far crescere chi gli stava accanto. Anche grazie a lui gli impianti cocleari e le tecniche di rieducazione dedicate hanno fatto moltissima strada»: così Paolo De Luca, presidente dell’APIC (Associazione Portatori Impianti Cocleari) ricorda il professor Oskar Schindler, audiologo e foniatra di grande valenza nazionale e internazionale, scomparso in questi giorni

Oskar Schindler

Oskar Schindler

Nato nel 1936 a Torre Pellice, è scomparso il professor Oskar Schindler, come ci informa l’APIC (Associazione Portatori Impianto Cocleare).
Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1961, Schindler si era specializzato in Otorinolaringologia nel 1964, ottenendo nel 1967 la libera docenza in Audiologia e nel 1968 in Otorinolaringologia.
Fin dal 1962 si occupò di comunicazione umana (Foniatria e Logopedia) all’Università di Torino, ove divenne professore associato e successivamente ordinario della Cattedra di Foniatria e di Audiologia.
Figura di grande valenza nazionale e internazionale, ha scritto sostanzialmente la parte prevalente della letteratura scientifica italiana concernente tutti i settori della comunicazione umana in campo sanitario, creando di fatto ex novo la Deglutologia (alterazioni della deglutizione). Ha svolto inoltre attività didattica per gli studenti di Medicina e Logopedia e per la specialità di Foniatria, diventando anche Visiting Professor in Germania, Francia, Svizzera, Turchia, Giordania e Bolivia.

Così lo ricorda Paolo De Luca, presidente dell’APIC: «Innovatore e bravissimo medico, il professor Oskar Schindler non ha mai perso la generosità e la capacità di mettere il suo tempo e le sue competenze a disposizione degli altri. Grande divulgatore scientifico e docente, aveva una rara qualità, quella di far crescere chi gli stava accanto. Anche grazie a lui gli impianti cocleari e le tecniche di rieducazione dedicate hanno fatto moltissima strada. La nostra Associazione ha più volte avuto il privilegio di condividere con lui tratti del proprio percorso e con gratitudine ricordiamo l’amicizia, la stima e il rispetto che ha sempre contraddistinto le nostre collaborazioni. Grazie di tutto Professore!». (S.B.)

A questo link è disponibile un approfondimento sulla biografia e sulla produzione scientifica di Oskar Schindler.

Stampa questo articolo