Oggi più di prima a fianco delle persone che si battono contro la SLA

«La Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità di domani, 3 dicembre – scrivono dall’AISLA di Firenze (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica) – ci permette una volta per tutte di riaffermare con decisione che i diritti delle persone con disabilità non possono in alcun modo essere compressi. Promuovendo tante iniziative, la nostra Associazione concretizza la ferma volontà di esserci sempre. Giunga dunque forte la nostra voce a tutti coloro che combattono la loro battaglia contro la SLA: che sia per necessità o solo per parlare, oggi più che prima l’AISLA Firenze c’è!»

Mano di un assistente domiciliare che stringe quella della persona assistita

La Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità di domani, 3 dicembre, è fondamentale perché ci permette una volta per tutte di riaffermare con decisione che i diritti delle persone con disabilità non possono in alcun modo essere compressi.
Dopo anni di espansione dei diritti e di implementazione inclusiva dei servizi, tassello di un sistema di un welfare che vuol dirsi avanzato, mai si è assistito ad un così repentino e drastico arretramento. L’emergenza sanitaria – purtroppo non solo nelle prime fasi – ci ha costretti a concentrare sul coronavirus le risorse, mettendo di conseguenza in secondo piano le persone con disabilità. E ci teniamo a dire persone non per vezzo estetico, non per una mera questione linguistica: questo termine, infatti, ci fa comprendere meglio che la disabilità non deve in alcun modo portare ad una deprivazione dei diritti connaturati in ogni persona.

Anche grazie ad una mobilitazione continuativa del Terzo Settore, sempre più protagonista attivo del nostro welfare, e sempre recepita dalla Istituzioni, si è potuto limitare i danni. Partecipazione corale cui la nostra Associazione [AISLA Firenze-Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica, N.d.R.] ha preso parte, ripensando e adattando i propri servizi. Essenziale, in tal senso, è il contributo di alcune splendide realtà del nostro territorio, come l’AVO Firenze (Associazione Volontari Ospedalieri), per il servizio di compagnia telefonica, Croce Rossa Firenze per la consegna dei farmaci, Humanitas Scandicci per quella delle mascherine e la Misericordia, sempre attenta ai bisogni delle persone con la SLA.
Nel frattempo non abbiamo certo ridotto i servizi essenziali come la fisioterapia (erogate oltre 500 ore), la logopedia, il sostegno psicologico e l’idrokinesiterapia.

Sono tutte azioni che concretizzano la ferma volontà di esserci sempre e che sono state intervallate da eventi di successo, come Corri il Solstizio, la Caccia al Tesoro Florentia, Una vasca per AISLA Firenze [di quest’ultimo si legga anche sulle nostre pagine, N.d.R.]. Tutti eventi di successo e nel rispetto delle regole, con ampio coinvolgimento del tessuto sportivo, artigiano e sociale fiorentino.
In occasione, dunque, della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità 2020 giunga forte la nostra voce a tutti coloro che in questo momento, come tanti amici e amiche della nostra Associazione, stanno combattendo la loro battaglia contro la SLA. Che sia per una necessità o solo per parlare, oggi più che prima, non siete soli: l’AISLA Firenze c’è!

Stampa questo articolo