I diritti e la ricerca: quali le priorità per un’autentica inclusione?

“Piano di Azione 2021-2022 per la promozione dei diritti delle persone con disabilità: quali le priorità per una autentica inclusione?”: si intitolerà così l’incontro online promosso per il pomeriggio di oggi, 3 dicembre, dal Network di Disability Pride, durante il quale verrà lanciato un appello sui ritardi del nostro Paese nell’àmbito dei diritti civili delle persone con disabilità. Domani, invece, 4 dicembre, sempre il Network di Disability Pride coinvolgerà numerosi protagonisti della ricerca scientifica nel “2° Meeting Nazionale Disability Care”

Realizzazione grafica americana dedicata all'inclusione delle persone con disabilità

Una realizzazione grafica americana dedicata all’inclusione delle persone con disabilità

Come si legge in una nota diffusa oggi, 3 dicembre, in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, il Network del Disability Pride, gruppo informale di associazioni, enti, aziende e cittadini di diversi Paesi, ha lanciato l’allarme «su alcune situazioni e ritardi del nostro Paese nell’àmbito dei diritti civili delle persone con disabilità, con una lettera aperta rivolta alle Istituzioni e alla Società Civile [disponibile integralmente a questo link, N.d.R.], chiedendo di affrontare e risolvere con grande responsabilità alcune tematiche non più procrastinabili e decidendo così di rendere pubbliche le convinzioni e le raccomandazioni ufficiali del gruppo in rete, derivanti da un lavoro collegiale di discussione dei punti proposti ed inseriti nel documento».

L’appello verrà presentato nel pomeriggio di oggi, 3 dicembre (ore 14.30-19.30), all’apertura di un workshop organizzato in modalità webinar e intitolato Piano di Azione 2021-2022 per la promozione dei diritti delle persone con disabilità: quali le priorità per una autentica inclusione?, cui prenderanno parte tra gli altri la deputata Lisa Noja, componente dell’Intergruppo Parlamentare sulla Disabilità, Mario Barbuto, presidente nazionale dell’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) e Salvatore Cimmino, promotore del progetto A nuoto nei mari del globo per un mono senza barriere e senza frontiere.

Nella mattinata di domani, invece, venerdì 4 dicembre (ore 9-13), sempre a cura del Network di Disability Pride, il 2° Meeting Nazionale Disability Care prevede la partecipazione di numerosi ricercatori che illustreranno con linguaggio semplice e taglio divulgativo i propri studi scientifiche e come gli stessi possano essere trasferiti all’attività di cura.
Un prezioso appuntamento, quindi, per favorire la diffusione di una cultura tecnico-scientifica rivolta alla disabilità. (S.B.)

Ringraziamo Salvatore Cimmino per la segnalazione.

A questo link sono disponibili tutti gli approfondimenti su entrambi gli eventi di cui si parla nella presente nota (oggi, 3 dicembre, ore 14.30 e domani, 4 dicembre, ore 9), che si potranno seguire in diretta streaming sul canale YouTube e sulla pagina Facebook del Network di Disability Pride. Per ulteriori informazioni: info@disabilityprideitalia.org.

Stampa questo articolo