Progetto Individuale delle persone con disabilità: è ora di osare!

Una prima sessione formativa, che darà l’opportunità agli iscritti di confrontarsi e formarsi sul Progetto Individuale, strumento in grado di individuare la dimensione, i bisogni, i sogni e i desideri della persona con disabilità per il proprio progetto di vita, seguita da una tavola rotonda nel corso della quale si parlerà sempre di vita indipendente, allargando però maggiormente l’orizzonte: sarà questo l’evento online denominato “È ora di osare”, promosso per il pomeriggio di domani, 5 dicembre, dalla FISH Calabria (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap)

Disegno di omino in carrozzina che spezza le cateneÈ ora di osare: questo il titolo dell’evento online promosso per il pomeriggio di domani, 5 dicembre, in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità di ieri, 3 dicembre, dalla FISH Calabria (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), che si comporrà di due sessioni distinte, la prima delle quali (ore 15.30-17), programmata sulla piattaforma Libert@dipartecipare della Federazione calabrese, sarà di tipo formativo, dando l’opportunità agli iscritti di confrontarsi e formarsi sul Progetto Individuale, strumento in grado di individuare la dimensione, i bisogni, i sogni e i desideri della persona per il proprio progetto di vita.
«Il Progetto Individuale – sottolineano dalla FISH Calabria – è un mezzo che permette alle persone con disabilità di disegnare il loro presente e immaginare il futuro, a seconda delle proprie capacità, non solo di salute, ma anche in termini di partecipazione attiva alla vita. È in questo tipo di progetto, definito sperimentale, che rientrano quelli per la vita indipendente, per il “Dopo di Noi”, per la non autosufficienza, i cui fondi sono stanziati e messi a bando dal Ministero delle Politiche Sociali, seguendo poi un iter gerarchico e amministrativo tra le Istituzioni, dal Ministero alle Regioni e fino ai Comuni che ne devono garantire l’impiego e la realizzazione sui territori».

Durante questa prima sessione riservata interverranno Matilde Leonardi, neurologa dell’Istituto Besta di Milano ed esperta di disabilità, già copresidente del gruppo FDRG (Funzionamento e Disabilità) nell’Organizzazione Mondiale della Sanità, sul tema ICF – Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute; Roberta Speziale, psicologa, formatrice e consulente dell’ANFFAS Nazionale (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), che parlerà di Matrice -Strumento che orienta e documenta il progetto individuale di vita; Gianfranco De Robertis, avvocato, consulenti legale dell’ANFFAS Nazionale, che tratterà gli Strumenti legali da utilizzare in caso di diniego del progetto individuale.

La seconda sessione, invece, consisterà in una tavola rotonda nel corso della quale si parlerà sempre di vita indipendente, allargando però l’orizzonte e avvalendosi di partecipazioni maggiormente istituzionali.
In tal senso, con il coordinamento della giornalista Maria Pia Tucci e dopo gli interventi di Gianluca Gallo, assessore alle Politiche Sociali della Regione Calabria, Vittorio Scerbo, sindaco di Marcellinara (Catanazaro) e Antonio Cotura, vicepresidente nazionale della FISH, l’ingegner Gaetano Nicotera si soffermerà sul tema della domotica applicata al miglioramento della vita delle persone con disabilità.
Le conclusioni dell’incontro saranno affidate a Nunzia Coppedé, presidente della FISH Calabria. (S.B.)

Per ogni ulteriore informazione e approfondimento: fishcalabria@gmail.com (Maria Pia Tucci).

Stampa questo articolo