Si fa presto a dire Vita Indipendente!

Sarà il pedagogista Roberto Medeghini a condurre il 18 dicembre il nuovo seminario in rete promosso nell’àmbito del percorso “Si fa presto a dire Vita Indipendente”, voluto dal Gruppo Giovani della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), per formare sui temi legati alla Vita Indipendente, da intendere come il raggiungimento di un’autonomia non solo abitativa o lavorativa, ma da inserire nel più ampio campo dell’autodeterminazione della persona con disabilità, ossia la possibilità di decidere per sé e la propria vita

Donna in carrozzina fotografata di spalle con le braccia spalancate“Firma” presente anche sulle pagine del nostro giornale, il pedagogista Roberto Medeghini svolge attività di ricerca e formazione in àmbito educativo, con particolare attenzione ai temi della disabilità, delle difficoltà di apprendimento, dell’insuccesso nel loro svolgersi scolastico e sociale, nonché dei servizi nella loro relazione con l’organizzazione dei contesti. Attualmente il suo principale campo di studio guarda all’inclusione nella prospettiva ecologica delle relazioni, al confronto con l’approccio sociale nelle sue articolazioni dei cosiddetti Disability Studies e alle differenze con il concetto di integrazione.

Sarà Medeghini a condurre nel pomeriggio di venerdì 18 dicembre il nuovo appuntamento in rete (webinar) che farà parte del percorso Si fa presto a dire Vita Indipendente, promosso a partire dallo scorso mese di giugno dal Gruppo Giovani della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), per formare sui temi legati alla Vita Indipendente, da intendere come il raggiungimento di un’autonomia non solo abitativa o lavorativa, ma da inserire nel più ampio campo dell’autodeterminazione della persona con disabilità, ossia la possibilità di decidere per sé e la propria vita. (S.B.)

Il webinar del 18 dicembre prevede un limite massimo di venti partecipanti. Per avere il link di partecipazione, scrivere a: gruppogiovani@uildm.it (specificando nome e cognome e lasciando un contatto telefonico). Per ulteriori informazioni: uildmcomunicazione@uildm.it (Alessandra Piva e Chiara Santato).

Stampa questo articolo