Autori di reato con disabilità intellettiva e psicosociale

“Autori di reato con disabilità intellettiva e psicosociale: identificazione, valutazione dei bisogni e parità di trattamento” e “Metodologia per l’identificazione della disabilità psicosociale ed intellettiva di indagati e imputati”: saranno questi i temi dell’interessante seminario formativo online in programma per la mattinata di domani, 17 dicembre, promosso dalla Comunità Giovanni XXIII, nell’àmbito del progetto europeo “Opsidianet”, che propone una serie di misure per il pari trattamento delle persone con disabilità intellettiva e psicosociale sospette o accusate di reati

Scultura di figura antropomorfica con mani davanti alla facciaAutori di reato con disabilità intellettiva e psicosociale: identificazione, valutazione dei bisogni e parità di trattamento e Metodologia per l’identificazione della disabilità psicosociale ed intellettiva di indagati e imputati: saranno questi i temi dell’interessante seminario formativo online in programma per la mattinata di domani, giovedì 17 dicembre (ore 10.30), promosso dalla Comunità Giovanni XXIII, nell’àmbito del progetto europeo Opsidianet, che propone una serie di misure per il pari trattamento delle persone con disabilità intellettiva e psicosociale sospette o accusate di reati.

Introdotto e moderato da Laila Simoncelli, referente del progetto Opsidianet, l’incontro, dopo l’apertura di Giovanni Ramonda, responsabile generale della Comunità Papa Giovanni XXIII, prevede gli interventi del magistrato Francesco Maisto, Garante dei Detenuti della Città Metropolitana di Milano (Le garanzie processuali per il rispetto dei diritti degli autori di reato con disabilità psicosociale); Daniele Donati, psichiatra e collaboratore della Comunità Papa Giovanni XXIII (Gli autori di reato con problemi mentali: la perizia psichiatrica); don Daniele Simoazzi, cappellano del carcere di Reggio Emilia («È fuori di sé»: cammino di condivisione nelle Articolazioni di Salute Mentale (ASM) del carcere di Reggio Emilia); Bartolomeo Barberis della Comunità Papa Giovanni XXIII (Dipendenze patologiche e comorbilità psichiatrica: l’esperienza della Comunità Papa Giovanni XXIII); Giorgio Pieri della Comunità Papa Giovanni XXIII (Come le Comunità Educative per i Carcerati (CEC) sono una risposta ai bisogni degli autori di reato con disabilità psicosociale). (S.B.)

Per iscriversi al seminario online accedere a questo link. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficiostampa@apg23.org.

Stampa questo articolo