Provvedimenti contro l’abbandono dei monopattini lungo le vie di Torino

Una mini-targa e un limitatore obbligatorio di velocità a 6 chilometri all’ora: sono i provvedimenti annunciati dall’Assessore alla Mobilità del Comune di Torino, pur non precisandone la tempistica di attuazione, per contrastare l’abbandono indiscriminato dei monopattini in sharing lungo le vie del capoluogo piemontese, questione che tanti problemi sta creando soprattutto alle persone con disabilità visiva, come segnalato ormai da tempo dall’APRI (Associazione Pro Retinopatici e Ipovedenti) e dall’UICI di Torino, nonché, per quanto riguarda la Capitale, dall’UICI di Roma

Monopattini abbandonati su un marciapiede di Torino

Monopattini lasciati incustoditi su un marciapiede di Torino

Come viene segnalato dall’APRI (Associazione Pro Retinopatici e Ipovedenti), nel corso di una seduta della IV Commissione Consiliare del Comune di Torino, Maria Lapietra, assessore comunale alla Mobilità, ha annunciato l’adozione di nuovi provvedimenti contro l’abbandono indiscriminato dei monopattini in sharing lungo le vie del capoluogo piemontese.
In particolare è stata annunciata l’installazione di una mini-targa su ogni monopattino, dispositivo che dovrebbe consentire alla Polizia Municipale di individuare facilmente, tramite un sistema di QR Code, coloro che abbandonano il mezzo lungo le strade e i marciapiedi. Sarà reso altresì obbligatorio un limitatore di velocità che si azionerà automaticamente nelle zone pedonali e obbligherà a una marcia non superiore ai 6 chilometri all’ora. Nulla tuttavia è stato ancora precisato sulle tempistiche di queste innovazioni, accolte naturalmente con favore dall’APRI, organizzazione impegnata già da tempo su tale questione, così come l’UICI di Torino (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) e, nella Capitale, l’UICI di Roma, ciò di cui abbiamo di volta in volta riferito anche sulle nostre pagine. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: apri@ipovedenti.it.

Stampa questo articolo