La stessa volontà di lottare, per sentirci accettati dalla società

«Mi sento molto vicino alle persone con disabilità intellettiva di Special Olympics perché abbiamo la stessa volontà di lottare per sentirci accettati dalla società»: sono parole di Gerald Mballe, divenuto il primo consulente, a livello mondiale, del Programma Unificato con i rifugiati di Special Olympics, il movimento internazionale dello sport praticato da persone con disabilità intellettiva e/o relazionale, e questa è la sua storia di rifugiato politico, passata per un lungo e tormentato viaggio dall’Africa, prima di arrivare in Italia

Gerald Mballe

Gerald Mballe

Gerald Mballe ha solo 24 anni, ma quando parla dimostra una maturità e idee molto chiare che vanno ben oltre la sua età anagrafica. È in Italia, come rifugiato politico, da circa sei anni, ma il suo “viaggio verso un futuro” è iniziato ancor prima.
Parte, senza certezze, da Kolofata, cittadina nell’estremo nord del Camerun al confine con la Nigeria; oltre 2.000 chilometri di frontiere dove i tagliagole, affiliati allo Stato Islamico, tendono a sconfinare sempre più spesso, saccheggiando e uccidendo. Proprio la zona frontaliera tra Nigeria e Camerun è considerata il rifugio della setta fondamentalista, luogo di scorribande e attentati terroristici.
Dal suo arrivo in Italia, dopo un lungo e duro viaggio, ha continuato a fare tanta strada dedicandosi al volontariato, fino a diventare un funzionario della Croce Rossa Italiana. Ha proseguito i propri studi diplomandosi e iscrivendosi all’Università di Torino, dove sta conseguendo una laurea in Relazioni Internazionali.

Da pochi giorni Mballe è diventato il primo consulente, a livello mondiale, del Programma Unificato di Special Olympics con i rifugiati [Special Olympics è il movimento internazionale dello sport praticatoi da persone con disabilità intellettiva e/o relazionale, N.d.R.]. Guiderà dunque lo sviluppo internazionale del programma, attualmente attivo in undici Paesi, che vede giocare insieme, nella stessa squadra, atleti con disabilità intellettiva e rifugiati politici.
Gerald, inoltre, sosterrà il continuo impegno del movimento per la diversità, l’equità e l’inclusione e il suo ruolo lo vedrà anche come portavoce per l’emergente partnership globale di Special Olympics con l’UNHCR (Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati). «Entrare a far parte di Special Olympics come primo consigliere del programma Unified with Refugees – dice – è la cosa più eccitante che sta accadendo nella mia vita e rappresenta il migliore modo per ricambiare il travolgente benvenuto che gli atleti di Special Olympics mi hanno dato alcuni anni fa, quando mi hanno invitato nella loro famiglia in un momento di grande disperazione personale. Non vedo l’ora di iniziare!».

«Vivevo sempre sotto tensione – ricorda Mballe – poi un giorno, l’ho capito realmente solo in seguito, mio zio mi ha salvato la vita permettendomi di sognare un futuro. Mi ha affidato ad un signore a lui vicino, e insieme ad altri tre ragazzi abbiamo iniziato un lungo viaggio, durante il quale incontravamo sempre nuove persone che, come noi, sognavano un futuro diverso. Non sapevo quale fosse la destinazione, ma solo che sarebbe certamente stata lontana dal mio Paese e dalla mia famiglia. Entriamo in Nigeria, poi nel Niger fino all’Algeria spostandoci con pullman, treno, macchina e motociclo, sul quale ricordo bene di aver viaggiato, in tre persone, per oltre 20 ore, ma anche su barche, attraversando fiumi, e per lunghi tratti, a piedi, con la sola forza delle nostre gambe. In Algeria il mio viaggio prosegue senza quella persona alla quale mio zio mi aveva affidato; con un gruppo arriviamo fino in Marocco dove resto per sette mesi, fino a quando con alcuni di loro giungiamo in Libia, a Sabrata. Dopo circa un mese un signore mi dice che sarei dovuto andare a fare un lavoro insieme ad altri ragazzi: dal retro di un furgone chiuso mi sono ritrovato all’improvviso in mezzo al mare, su un barcone con altre cento persone. Vedevo gente piangere, mamme impaurite con bambini piccoli, altri che vomitavano: avevo paura anche io. Dopo tre giorni, agli inizi di novembre del 2015, sbarcammo a Pozzallo, in provincia di Ragusa, tra carabinieri e tante persone che ci dicevano: “Siete salvi”. Non capivo ancora l’italiano ma sentivo, dentro di me, che quel viaggio di incertezza era finito, che era giunto il momento di poter iniziare una nuova vita. Dopo quattro giorni un pullman, eravamo una cinquantina, ci portò a Settimo Torinese: faceva freddo. Avevo voglia di studiare, di andare a scuola: ero determinato nel voler imparare la lingua del Paese che mi aveva ospitato».

«Al Centro di Accoglienza – ricorda ancora – per i primi sei mesi, in quanto ancora minorenne, mi affiancarono un educatore, Luigi Petrillo: è lui che mi introdusse, da subito, all’interno del Team Special Olympics Pro Settimo Eureka, attraverso il quale ho ripreso a giocare a calcio. Ho iniziato a farlo in una “squadra unificata”, composta da atleti e partner, rispettivamente con e senza disabilità intellettiva, che giocano insieme, nella stessa formazione. In Camerun le persone con disabilità sono messe da parte, non gli fanno fare niente: è bellissimo vedere queste stesse persone che, con le proprie difficoltà, ci mettono una grande forza e determinazione in tutto quello che fanno, vogliono giocare, hanno voglia di vincere. Mi sento molto vicino a loro perché abbiamo la stessa volontà di lottare per sentirci accettati dalla società, inclusi in un mondo in cui la diversità e le differenze culturali non sempre sono viste come una risorsa, ma spesso con pregiudizio. Ancora oggi mi capita di essere discriminato, come l’altro giorno, al bar, quando ho sentito dire, riferendosi a me, che “non era il caso di sedersi vicino ad un negro”. Lo sport è uno straordinario mezzo di inclusione e gli eventi di Special Olympics sono la dimostrazione: riescono infatti ad unire sotto un’unica bandiera tutto il mondo. Ho ancora vivo il ricordo dei Giochi Mondiali Special OIlympics di Abu Dhabi, nel marzo del 2019, dove ho avuto la fortuna di partecipare come atleta partner e di riflettere su valori e modelli educativi da trasmettere, non solo ai giovani, per ambire ad un futuro migliore».

«Sono convinto – conclude – che in futuro anche il mio Paese di origine possa trovare, attraverso lo sport, un’opportunità concreta di inclusione. Il calcio è un linguaggio universale, un mix di colori che può cambiare il modo di vedere la disabilità e contribuire, in questo senso, ad una crescita culturale. Il mio sogno l’ho già realizzato: voglio restare in Italia, imparare dagli altri e continuare a studiare per dare il mio contributo. Ho conseguito il diploma di scuola media inferiore e poi quello del liceo. Ho studiato anche per diventare volontario della Croce Rossa Italiana, iniziando ad aiutare famiglie bisognose nella distribuzione di cibo, così come nella raccolta alimentare. Dopo aver ricevuto il permesso di rifugiato, ho iniziato a prestare Servizio Civile all’interno del Centro di Accoglienza che mi aveva precedentemente ospitato, diventando mediatore culturale. Non ho intenzione di fermarmi né con gli studi né con la formazione, che penso siano alla base della crescita di ognuno di noi: Sogno di restituire alle persone che mi hanno accolto, agli italiani, tutto ciò che mi hanno dato e voglio aiutare i nuovi che arriveranno ad integrarsi, per garantire loro, come l’ho avuta io, un’opportunità di vita». (Ufficio Stampa Special Olympics Italia)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: stampa@specialolympics.it (Giampiero Casale).

Stampa questo articolo