Un parco avventura inclusivo dedicato a Mirko Toller

Mirko Toller, il giovane youtuber divenuto noto per uno spot realizzato insieme al noto attore e comico Checco Zalone, volto a promuovere la ricerca scientifica sulla SMA (atrofia muscolare spinale), avrebbe voluto studiare robotica per progettare un parco di divertimenti accessibile alle persone in sedia a rotelle. Mirko è mancato a soli 16 anni nello scorso mese di ottobre, ma a Pordenone il parco avventura inclusivo nascerà davvero, sarà ospitato all’interno dell’area verde del Parco Sole di Notte, si chiamerà “Happy Land” e sarà intitolato alla sua memoria

Mirko Toller

Mirko Toller

In tanti ricorderanno ancora la simpatia e l’ironia di Mirko Toller, il giovane youtuber di Segonzago in Trentino, protagonista insieme al noto attore e comico Checco Zalone di uno spot realizzato nel 2016 dall’Associazione Famiglie SMA, volto a promuovere la ricerca scientifica sulla SMA (atrofia muscolare spinale) [se ne legga anche la presentazione pubblicata a suo tempo su queste pagine, N.d.R.].
Mirko, che era interessato a propria volta dalla SMA, è mancato a soli 16 anni, nello scorso mese di ottobre, ma in un’intervista rilasciata qualche anno prima, quando era in terza media, raccontava che alle superiori avrebbe voluto studiare robotica, per progettare un parco di divertimenti accessibile alle persone in sedia a rotelle.

Ora sembra proprio che quel suo sogno in qualche modo diventerà realtà: nascerà infatti a Pordenone e sarà intitolato a Mirko Happy Land (“Terra felice”), un parco avventura inclusivo strutturato su sei-sette percorsi, alcuni dei quali percorribili anche in sedia a rotelle.
Esso sarà ospitato all’interno dell’area verde del Parco Sole di Notte, in continuità con il parco pubblico San Valentino di Pordenone e con il parco giochi inclusivo recentemente finanziato dalla Fondazione Piergiorgio Locatelli.
«Mirko lo avrebbe chiamato proprio Happy Land», dice la mamma Stella, che ha condiviso con il team del Parco Sole di Notte la denominazione della struttura, del quale proprio in questi giorni sono in corso la progettazione dettagliata della struttura e le necessarie verifiche amministrative con il Comune di Pordenone.

Il Parco Sole di Notte, come abbiamo raccontato anche recentemente, è un parco divertimenti totalmente inclusivo, pensato per ospitare gratuitamente bambini/e e ragazzi/e con patologie gravi, croniche e inguaribili, assieme alle loro famiglie, per far vivere loro momenti di divertimento, socialità e condivisione, periodi di vacanza, svago e studio. Il tutto realizzato in un ambiente protetto, in cui è garantita un’assistenza medico infermieristica di alto livello.
Nel sito web dedicato è già disponibile una pagina dedicata alla raccolta di donazioni e acquisizione di sponsor per il sostegno del progetto e, nello specifico, del parco avventura inclusivo. (Simona Lancioni)

La presente nota è già apparsa nel sito di Informare un’H-Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli di Peccioli (Pisa), e viene qui ripresa – con alcuni riadattamenti al diverso contenitore – per gentile concessione.

Stampa questo articolo