Donne che studiano, lavorano, difendono, giocano, curano: 5 video della UILDM

«Cinque come le dita di una mano: per ogni dito un messaggio, un aspetto della vita che rende le donne UILDM come tutte le altre: donne che studiano, lavorano, difendono, giocano, curano»: a loro, protagoniste di cinque video, la UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) ha affidato il compito di celebrare la Giornata Internazionale della Donna, per ricordare che «non deve rimanere semplicemente una data sul calendario» e per «porgere in questo modo gli auguri a tutte le donne con e senza disabilità che ogni giorno costruiscono inclusione e a tutti gli uomini che fanno lo stesso»

Elaborazione grafica UILDM per l'8 marzo 2021«Cinque come le dita di una mano: per ogni dito un messaggio, un aspetto della vita che rende le donne UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) come tutte le altre. Donne che studiano, lavorano, difendono, giocano, curano. A loro abbiamo affidato il compito di celebrare la Giornata Internazionale della Donna di oggi, 8 marzo. E ricordando che questa non deve rimanere semplicemente una data sul calendario, porgiamo in questo modo i nostri auguri a tutte le donne con disabilità e non che ogni giorno costruiscono inclusione e a tutti gli uomini che fanno lo stesso»: così la UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) presenta i cinque video disponibili oggi nel proprio sito, che hanno rispettivamente per protagoniste Giulia Pesarini (Io studio), volontaria del Gruppo Giovani UILDM, Silvia Lisena (Io lavoro), volontaria del Gruppo Donne UILDM, Fabiola Bertinotti (Io difendo), mamma e volontaria UILDM, Anna Rossi (Io gioco), giocatrice di wheelchair hockey e volontaria UILDM e Federica Ricci (Io curo), vicepresidente della Commissione Medico-Scientifica UILDM (i video sono disponibili a questo link).
Sempre nell’àmbito della UILDM, segnaliamo anche sempre oggi, 8 marzo, proprio mentre scriviamo, la partecipazione di Francesca Arcadu del Gruppo Donne UILDM all’incontro online (in diretta Facebook) organizzato dall’OMAR (Osservatorio Malattie Rare), all’interno del ciclo #TheRARESide, durante il quale si parlerà di pari opportunità e diritti, di lavoro, di ricerca e di “cura”. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: uildmcomunicazione@uildm.it (Alessandra Piva).

Stampa questo articolo