Incontro dei Caregiver Familiari Comma 255 con la Ministra delle Disabilità

Viene considerato come l’inizio di un percorso fruttuoso, da parte del Gruppo Caregiver Familiari Comma 255, l’incontro avuto con la ministra delle Disabilità Stefani, centrato innanzitutto sulla necessità di una legge che tuteli e ridia dignità alle vite dei caregiver familiari, ma anche sui temi della disabilità strettamente connessi alla loro figura di congiunti conviventi di persone con disabilità grave e con compromissioni psichiche e cognitive, di cui si prendono cura in maniera globale

Caregiver familiare insieme alla sua bimba con grave disabilità

Una caregiver familiare insieme alla sua bimba con grave disabilità

Apprezzamento viene espresso in una nota dal Gruppo Caregiver Familiari Comma 255, per l’incontro avuto con la ministra delle Disabilità Erika Stefani, centrato innanzitutto sulla necessità di una legge «che tuteli e ridia dignità alle vite dei caregiver familiari, ma anche sui temi della disabilità strettamente connessi alla loro figura di congiunti conviventi di persone con disabilità grave e con compromissioni psichiche e cognitive, di cui si prendono cura in maniera globale».
«Come confermato anche dalla Ministra – viene sottolineato dal Gruppo – questo incontro è solo l’inizio di un percorso che intendiamo portare avanti con determinazione». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: cgfcomma255@gmail.com.

Il Gruppo Caregiver Familiari Comma 255
Gruppo nato dalla volontà di numerosi caregiver familiari, genitori e congiunti di persone con disabilità grave, allo scopo di dare piena attuazione al riconoscimento di tale figura giuridica – quella del caregiver familiare – introdotta nell’ordinamento italiano dall’articolo 1, comma 255 della Legge 205/17 (Legge di Bilancio per il 2018).

Stampa questo articolo