L’educazione non è solo scuola

Si intitolerà così l’incontro online in programma per il pomeriggio del 24 marzo, terzo appuntamento del ciclo “Welfare nascente”, nell’àmbito del progetto “Memorie vive” che l’Istituzione Gian Franco Minguzzi della Città Metropolitana di Bologna, l’IRESS e il Comune di Bologna hanno dedicato alla storia del welfare bolognese dalla metà del secolo scorso ad oggi. Al centro della discussione vi sarà un confronto tra coloro che operavano tra gli Anni Sessanta e Ottanta e chi opera oggi nei servizi

Locandina del webinar del 24 marzo 2021«Dopo la chiusura degli istituti per minori e delle “scuole speciali” negli Anni Sessanta-Settanta, l’enfasi viene posta sulla scuola come agenzia principale di socializzazione. Oltre a trasformazioni dentro la scuola, vengono realizzate nuove attività e nuove tipologie di servizi per bambini e adolescenti. Come evidenziano le interviste agli operatori socio-educativi di quel periodo, nascono “gruppi appartamento”, si inventano nuovi servizi rivolti anche a persone allora dette “handicappate” e quindi nasce la necessità di nuove professionalità di educatori “polivalenti”. Negli stessi anni, emerge l’attenzione alle problematiche sociali degli adolescenti e ai movimenti giovanili, alla devianza minorile, alla tossicodipendenza con la sperimentazione di politiche e servizi innovativi»: partirà da qui, per attuare un confronto tra coloro che operavano tra gli Anni Sessanta e Ottanta e chi opera oggi nei servizi, l’incontro online in programma per il pomeriggio di mercoledi 24 marzo (ore 17-19), sul tema L’educazione non è solo scuola, terzo appuntamento del ciclo Welfare nascente, nell’àmbito del progetto Memorie vive che l’Istituzione Gian Franco Minguzzi della Città Metropolitana di Bologna, l’IRESS e il Comune di Bologna hanno dedicato alla storia del welfare bolognese dalla metà del secolo scorso ad oggi.

Dopo quindi gli incontri incentrati sul ruolo di assistenti sociali, psicologi e sociologi, sarà la volta di quello degli educatori nell’“invenzione” e nella costruzione delle rete dei servizi socio sanitari territoriali. (S.B.)

Ringraziamo Andrea Pancaldi per la segnalazione.

L’incontro del 24 marzo (a questo link il programma completo) sarà ad accesso libero e senza necessità di iscrizione (accedere a questo link). La registrazione dei due precedenti webinar del ciclo Welfare nascente è disponibile invece a quest’altro link (a quest’altro ancora vi è la mostra 1919-2019: cento anni di welfare a Bologna).

Stampa questo articolo