L’inclusione che passa per l’innovazione tecnologica: la nuova app “DmDigital”

È già scaricabile in tutti gli store “DmDigital”, nuova app editoriale con cui la UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) mette a disposizione di tutti «DM», la propria storica rivista nazionale nata sessant’anni fa insieme all’Associazione stessa, nonché l’informazione sul mondo della disabilità. «L’inclusione – sottolineano dalla UILDM – passa anche attraverso l’innovazione tecnologica. Per questo abbiamo voluto lanciare uno strumento digitale per rendere l’informazione più accessibile e alla portata di tutti»

UILDM: "DmDigital"

Un giovane con malattia neuromuscolare consulta «DM», rivista della UILDM, tramite la nuova app “DmDigital”

È già scaricabile in tutti gli store DmDigital, nuova app editoriale con cui la UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) mette a disposizione di tutti «DM», la propria storica rivista nazionale nata sessant’anni fa insieme all’Associazione stessa, nonché l’informazione sul mondo della disabilità.
«L’inclusione – sottolineano dalla UILDM – passa anche attraverso l’innovazione tecnologica. Per questo abbiamo voluto lanciare uno strumento digitale per rendere l’informazione più accessibile e alla portata di tutti. L’app nasce infatti per facilitare la fruizione dei contenuti UILDM da parte di chi ha difficoltà a sfogliare una rivista a causa di una ridotta capacità motoria. In generale, quindi, DmDigital intende diventare uno strumento in più, per promuovere e sostenere la ricerca e l’informazione sulle distrofie e sulle altre malattie neuromuscolari e favorire così l’inclusione sociale delle persone con disabilità. Continua pertanto in questo modo la storia di “DM”, rivista che ha fatto cultura nel mondo della disabilità, promuovendo i valori dell’inclusione e della partecipazione e diffondendo un’informazione completa e imparziale».

«In occasione del sessantennale della UILDM e di “DM” – afferma Anna Mannara, consigliera nazionale dell’Associazione e direttrice editoriale della rivista – siamo pronti ancora una volta a cambiare prospettiva. Dove infatti aumenta il limite in cui si imbatte una persona con disabilità, cerchiamo di agire per modificare l’ambiente circostante e abbatterne gli ostacoli, sfruttando gli strumenti che man mano la tecnologia ci mette a disposizione».
«Nel 1961 – aggiunge – il fondatore della nostra Associazione Federico Milcovich volle realizzare fin da subito un bollettino per raggiungere tutte le persone con distrofia muscolare in Italia, non solo per aggiornarle sulle novità della ricerca, ma anche per iniziare a costruire una comunità che oggi, grazie a lui e alle sue intuizioni, è solida e affiatata. Sessant’anni dopo rinnoviamo il nostro impegno nei confronti dei nostri soci e di tutte le persone con malattie neuromuscolari, permettendo loro di accedere alle informazioni e agli approfondimenti della rivista direttamente dal loro cellulare o da tablet».

«Per realizzare questa iniziativa – spiega ancora Mannara – abbiamo voluto affidarci a dei professionisti, chiedendo loro di dialogare costantemente con i destinatari del loro lavoro: per questo abbiamo costituito un gruppo di tester, selezionando i partecipanti tra i nostri soci, soprattutto i più giovani, e coinvolgendoli in fase di produzione. Inoltre, pur essendo le persone con disabilità motorie i nostri più vicini lettori, abbiamo sviluppato l’app tenendo conto di ogni tipo di disabilità, ad esempio scegliendo un font facilmente leggibile e cercando di rispettare i contrasti di colori per favorire la lettura alle persone ipovedenti. La app, infine, è compatibile con i lettori vocali».

La struttura di DmDigital presenta un motore di ricerca interno, con un’organizzazione degli articoli suddivisi per argomenti e categorie. La app è pensata per espandere la relazione con i lettori con la produzione di contenuti e news in un flusso continuo, senza le consuete pause tra l’uscita di un numero cartaceo e l’altro.
Tra i principali contenuti disponibili, da segnalare: uno sguardo panoramico sul mondo e la società, alla ricerca degli argomenti di maggiore interesse per il mondo della disabilità; approfondimenti e interviste sui temi legati ai diritti e alla costruzione di una società inclusiva, con ampio spazio alla vita indipendente; approfondimenti medico-scientifici, in collaborazione con la Commissione Medico-Scientifica UILDM; tutte le attività e le campagne targate UILDM; – commenti, aggiornamenti e indicazioni in àmbito legislativo; presentazioni di libri e di film;  tutto lo sport praticabile da chi ha una mobilità ridotta e debolezza muscolare; immagini, giochi, iniziative, per coinvolgere la comunità UILDM. (S.B.)

Questi i link a cui è scaricabile l’app DmDigital: per Android qui, per IOS qui. Per ogni ulteriore informazione e approfondimento: uildmcomunicazione@uildm.it.

Stampa questo articolo