In favore di quei bambini e bambine ancora “più vulnerabili tra i vulnerabili”

Garantire cure mediche, accoglienza e supporto scolastico ai bambini e alle bambine con disabilità del Camerun, Paese dell’Africa in cui oltre il 23% delle persone con età compresa tra i 2 e i 9 anni lotta ogni giorno con almeno una forma di disabilità: punta a questo la campagna “Tutti Uguali”, ancora attiva fino al 28 marzo, lanciata da Dokita, Associazione italiana che da trent’anni lavora nel mondo al fianco dei missionari della Congregazione dei Figli dell’Immacolata Concezione nel mondo, sostenendo le opere a favore delle persone più fragili e vulnerabili

Dokita, campagna "Tutti Uguali"

L’immagine scelta da Dokita per la campagna “Tutti Uguali” rivolta a bambini e bambine con disabilità del Camerun

Garantire cure mediche, accoglienza e supporto scolastico ai bambini e alle bambine con disabilità del Camerun, Paese dell’Africa in cui oltre il 23% delle persone con età compresa tra i 2 e i 9 anni lotta ogni giorno con almeno una forma di disabilità, spesso legata alle conseguenze di malattie infettive come la poliomielite, la malaria, la lebbra o il morbillo (63% dei casi): punta a questo la campagna denominata Tutti Uguali, ancora attiva fino al 28 marzo (numero solidale 45580), lanciata da Dokita, Associazione italiana che da trent’anni lavora nel mondo al fianco dei missionari della Congregazione dei Figli dell’Immacolata Concezione nel mondo, sostenendo le opere a favore delle persone più fragili e vulnerabili.
Ed è un’iniziativa ancor più importante in quest’epoca di emergenza Covid, quando, come ormai ben noto, la vita delle persone con disabilità è ancora più difficile, tanto più nei Paesi in cerca di sviluppo, dove spesso le stesse persone con disabilità si devono scontrare con la mancanza di strutture sanitarie adeguate e con rigide barriere sia architettoniche che socioculturali. (S.B.)

A questo link è disponibile un testo di approfondimento sulla campagna Tutti Uguali. Per ulteriori informazioni: Nora Licursi (nora.licursi@atlantiscompany.it).

Stampa questo articolo