Tutto esaurito a quel corso per docenti di sostegno non specializzati

È certamente un bel segnale il tutto esaurito fatto registrare dal ciclo formativo “I nuovi percorsi di inclusione scolastica secondo il modello dei diritti umani e della Convenzione ONU per gli alunni con disabilità”, promosso dalla Consulta Regionale delle Associazioni delle Persone con Disabilità e delle loro Famiglie del Friuli Venezia Giulia, in collaborazione con l’ANFFAS Nazionale e con il consorzio a marchio ANFFAS La Rosa Blu, rivolto a docenti non specializzati incaricati del sostegno, per i quali il Ministero dell’Istruzione non prevede una formazione o un aggiornamento specifico

Omino rosso (docente) e omini blu (discenti)È partito in questi giorni, in modalità telematica, il ciclo formativo denominato I nuovi percorsi di inclusione scolastica secondo il modello dei diritti umani e della Convenzione ONU per gli alunni con disabilità, promosso dalla Consulta Regionale delle Associazioni delle Persone con Disabilità e delle loro Famiglie del Friuli Venezia Giulia, in collaborazione con l’ANFFAS Nazionale (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale) e con il consorzio a marchio ANFFAS La Rosa Blu, rivolgendosi ai docenti non specializzati incaricati del sostegno ad alunni con disabilità, docenti per i quali il Ministero dell’Istruzione non prevede una formazione o un aggiornamento specifico.
L’iniziativa è stata resa possibile anche da uno stretto dialogo con l’Ufficio Scolastico Regionale del Friuli Venezia Giulia, la cui direttrice generale Daniele Beltrame ha accolto con entusiasmo, insieme al proprio staff.

Si tratta di sedici ore di lezione in totale, tra formazione a distanza e webinar in diretta, ispirandosi, come ben si evince dal titolo stesso dell’iniziativa, ai paradigmi declinati dalla Convenzione ONU.
L’obiettivo principale è quello di approfondire le caratteristiche e i bisogni degli alunni e delle alunne con disabilità, e soprattutto i supporti a loro necessari per poter vivere il contesto della scuola e della classe in maniera realmente inclusiva. Verrà inoltre dedicato un focus specifico alla progettazione individualizzata dei percorsi di inclusione scolastica per gli alunni e le alunne con disabilità.

I costi dell’iniziativa sono a carico della Consulta Regionale, il cui presidente Mario Brancati dichiara: «Abbiamo voluto fortemente concretizzare un progetto in grado di migliorare concretamente la qualità della vita e dell’esperienza scolastica di tanti studenti con disabilità delle nostra Regione. Sin dal primo giorno, per altro, l’iniziativa ha registrato il “tutto esaurito”, evidenziando così l’interesse e il forte desiderio dei docenti di formarsi su queste tematiche». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: segreteria@consultadisabili.fvg.it.

Stampa questo articolo