Il Codice di Qualità e Autocontrollo dell’ANFFAS

«Il Codice di Qualità e Autocontrollo è un elemento fondamentale in questo passaggio epocale che tutto il Terzo Settore sta vivendo dopo la Riforma, ed è simbolo di trasparenza, democrazia interna, del rapporto tra Associazione e Soci e della misurazione dell’impatto e delle attività in genere»: così Roberto Speziale, presidente nazionale dell’ANFFAS, si sofferma su uno dei principali passaggi dell’Assemblea Nazionale delle Associazioni Socie ANFFAS 2021, in programma per venerdì 11 e sabato 12 giugno, in modalità online, ma che sarà possibile seguire anche in diretta Facebook

Locandina dell'Assemblea Nazionale ANFFAS, 11-12 giugno 2021«Il Codice di Qualità e Autocontrollo è un elemento fondamentale in questo passaggio epocale che tutto il Terzo Settore sta vivendo dopo la Riforma, è un tassello della nuova strada che il Terzo Settore è chiamato ad intraprendere ed è anche simbolo di trasparenza, democrazia interna, del rapporto tra Associazione e Soci e della misurazione dell’impatto e delle attività in genere»: così Roberto Speziale, presidente nazionale dell’ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), si sofferma su quello che costituirà uno dei principali passaggi dell’Assemblea Nazionale delle Associazioni Socie ANFFAS 2021, in programma per dopodomani, venerdì 11 e sabato 12 giugno, in modalità online, ma che sarà possibile seguire anche in diretta, nella pagina Facebook dell’ANFFAS.
Nello specifico, la presentazione in anteprima della bozza del Codice di Qualità e Autocontrollo – Orientamenti e principi etico-valoriali a base della comune linea associativa ANFFAS, curata dal Comitato Tecnico Scientifico dell’Associazione, è prevista per il pomeriggio di venerdì 11 (ore 17-20). Come sottolineato dal presidente Speziale, si tratta di un documento nato a seguito della Riforma del Terzo Settore, contenente «l’insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità delle organizzazioni di Terzo Settore nei confronti di tutti gli stakeholder e dell’interesse generale».
«Con il Codice – ricorda ancora Speziale – parliamo di una vera e propria rivoluzione culturale e organizzativa che accompagna tutto il processo evolutivo, organizzativo e professionale della rete. È pertanto un documento che diventa determinante nell’approccio futuro alla partecipazione non solo della e nella rete ANFFAS, ma anche nell’àmbito complessivo del Terzo Settore ed è per questo motivo che abbiamo deciso di dedicare ad esso uno spazio ad hoc durante la nostra Assemblea, per rendere tutti partecipi di quanto si è fatto e di quanto si deve ancora realizzare».

Dopo l’apertura dei lavori, affidata allo stesso Roberto Speziale, è previsto l’intervento di Claudia Fiaschi, portavoce del Forum Nazionale del Terzo Settore, cui l’ANFFAS aderisce, che illustrerà ai partecipanti le Linee Guida del Forum del Terzo Settore sul Codice di Qualità ed Autocontrollo, elaborate dal Forum stesso, con l’obiettivo di essere utilizzate dagli Enti di Terzo Settore interessati, al fine di redigere un proprio specifico documento di qualità e autocontrollo.
Sarà poi Michele Imperiali, presidente del Comitato Tecnico Scientifico ANFFAS, a presentare la bozza elaborata, dando il via al dibattito sulla materia.

La giornata di sabato 12 verrà quindi avviata (ore 9.30) da Egle Folgori, presidente dell’ANFFAS Tigullio Est, e da Emanuela Bertini, direttrice generale dell’ANFFAS Nazionale, che evidenzieranno tutto ciò che il 2020 ha rappresentato per l’ANFFAS, vale a dire «dolore, perdite – come sottolineano dall’Associazione -, ma anche sostegno reciproco, solidarietà e caparbietà nell’affrontare la pandemia e ciò che ne è derivato».
Successivamente si passerà ad interventi più tecnici, riguardanti la Riforma del Terzo Settore e la nuova configurazione di ANFFAS in relazione alla stessa, con Roberto Speziale, mentre del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza in relazione alla disabilità si occuperà Gianfranco de Robertis, avvocato e consulente legale dell’ANFFAS Nazionale.
Seguiranno le relazioni sulle attività e i programmi della Fondazione Nazionale ANFFAS Durante e Dopo di Noi e del Consorzio La Rosa Blu ANFFAS, con gli interventi di Emilio Rota, presidente della prima, e di Giandario Storace e Antonio Caserta, presidente e direttore generale del secondo.
La sessione pubblica dell’Assemblea (e la diretta Facebook) sarà chiusa dalla presentazione del progetto ANFFAS Giovani nel Terzo Settore, curata dal responsabile Alessandro Parisi. Tale iniziativa dell’ANFFAS Nazionale punta a coinvolgere giovani con e senza disabilità, sia nella vita associativa, in particolare in iniziative di promozione dei diritti umani, civili e sociali delle persone con disabilità intellettive e del neurosviluppo, sia all’interno dei servizi gestiti dall’Associazione.  gestisce – con Alessandro Parisi, referente del progetto. Il tutto a precedere un momento esclusivamente interno, concernente l’esame e l’approvazione del rendiconto associativo. (S.B.)

A questo link è disponibile il programma completo dell’Assemblea Nazionale ANFFAS dell’11 e 12 giugno. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: comunicazione@anffas.net.

Stampa questo articolo