Il Parco del Matese al lavoro per l’accessibilità

Luogo particolarmente adatto agli escursionisti e agli sportivi, il Parco Regionale del Matese, area naturale protetta della Campania che presto diventerà Parco Nazionale, è tra l’altro al lavoro per ampliare la platea dei beneficiari di una parte dell’area, ovvero quella in località Miralago, e a tal proposito ha chiesto un supporto alla Federazione FISH Campania, per rendere tale zona accessibile alle persone con disabilità. Entro breve, dunque, verrà sottoscritto un protocollo d’intesa, per incentivare appunto l’accessibilità e il turismo per tutti

Lago del Matese

Una bella immagine del Lago del Matese, nell’omonimo Parco Regionale in provincia di Caserta

Luogo particolarmente adatto agli escursionisti e agli sportivi, il Parco Regionale del Matese, area naturale protetta della Campania, situata tra le Province di Caserta e Benevento, sarà presto classificato come Parco Nazionale ed è tra l’altro al lavoro per ampliare la platea dei beneficiari di una parte dell’area, ovvero quella in località Miralago, che rientra nel territorio del Comune di Castello del Matese (Caserta).
Per rendere quindi la zona accessibile alle persone con disabilità, l’Ente Parco ha chiesto un supporto alla FISH Campania (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e a tal proposito il presidente della stessa Daniele Romano e la socia Maria Venditti hanno effettuato a fine luglio un sopralluogo, accompagnati da Vincenzo Girfatti, presidente dell’Ente Parco, da Salvatore Montone e Giovanni Iuliano, rispettivamente sindaco e assessore comunale di Castello del Matese.
Nelle prossime settimane, è stato dunque stabilito, il Parco del Matese e la FISH Campania sottoscriveranno un protocollo d’intesa, per incentivare appunto l’accessibilità e il turismo per tutti. A seguire il progetto per la Federazione, sarà il vicepresidente di essa Alessandro Parisi, delegato sui temi riguardanti il turismo accessibile.

«Abbiamo ringraziato il Presidente del Parco del Matese e il sindaco di Castello del Matese – ha dichiarato Daniele Romano in occasione del sopralluogo – per la volontà di realizzare in questo territorio un progetto di accessibilità allargata a tutti. Le persone con disabilità, infatti, possono e devono essere turisti come tutti gli altri cittadini e riteniamo importante avere la possibilità di vedere riconosciuto il diritto di ammirare le bellezze naturali del Matese e dell’omonimo lago». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: fishcampania@gmail.com.

Stampa questo articolo