“Percorsi di emancipazione”, per favorire il “Durante e il Dopo di Noi”

«Questo percorso di formazione è stato pensato per chi è coinvolto direttamente o indirettamente nell’attuazione e nell’implementazione dei progetti previsti dalla Legge sul “Dopo di Noi” (o sul “Durante e Dopo di Noi”), nel territorio della Città Metropolitana di Milano e della Provincia di Lodi»: lo dicono dalla Federazione lombarda LEDHA, a proposito dell’iniziativa formativa “Percorsi di emancipazione”, promossa dall’ATS di Milano, in collaborazione con un vasto partenariato di organizzazioni, che verrà presentata il 9 novembre durante un seminario online

Giovane con disabilità che ride, seduto presso un tavolo di cucinaÈ in programma per la mattinata del 9 novembre (ore 10-12) il seminario online di presentazione del percorso formativo denominato Percorsi di emancipazione (titolo completo: Dopo di Noi: progetto di vita indispensabile per essere felici. Percorsi di co-costruzione per le persone con disabilità – Percorsi di emancipazione), promosso dall’ATS di Milano (Agenzia di Tutela della Salute), in collaborazione con un vasto partenariato comprendente Associazioni e Cooperative impegnate nella promozione di servizi a favore di persone con disabilità, oltreché con Università e con l’adesione di un ampio numero di Comuni ed Enti Pubblici.

Come spiegano dalla LEDHA, la Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità che costituisce la componente lombarda della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e che è tra coloro i quali collaborano all’iniziativa, «questo percorso di formazione è stato pensato per tutti coloro che sono coinvolti direttamente o indirettamente nell’attuazione e nell’implementazione dei progetti previsti dalla Legge 112/16 [Legge sul “Dopo di Noi” o sul “Durante e Dopo di Noi”, N.d.R.] nel territorio della Città Metropolitana di Milano e della Provincia di Lodi. Nello specifico, i destinatari sono operatori sociali, sociosanitari e sanitari che operano all’interno dei Comuni, nelle Aziende  Socio Sanitarie Territoriali e negli Enti del Terzo Settore. L’obiettivo è quello di migliorare le competenze di tutte queste figure professionali, potenziando così le capacità dei territori di applicare quanto previsto dalla stessa Legge 112/16».

«Il primo biennio di implementazione della Legge 112/16 in Lombardia – annotano ancora dalla LEDHA – è stato contrassegnato dal fiorire di esperienze di grande interesse, dedicate in buona parte allo “sviluppo delle autonomie” delle persone. Con questi Percorsi di emancipazione, dunque, si intende favorire lo sviluppo di sostegni che possano accompagnare la realizzazione di progetti di vita adulta delle persone con disabilità, basati sull’effettiva possibilità di “metter su casa”, come del resto previsto dal Programma operativo regionale per la realizzazione degli interventi a favore di persone con disabilità grave – Dopo di noi L. 112/2016, risorse annualità 2018/2019, approvato con la Delibera di Giunta Regionale n. 3404 del 20 luglio 2020».

Quattro saranno i filoni principali dell’iniziativa, che durerà complessivamente un anno, a partire dal 9 novembre, prevedendo venti incontri in cui si alterneranno laboratori e momenti seminariali. Si succederanno quindi un percorso frontale culturale, per incrementare le conoscenze generali e specifiche); un percorso laboratoriale territoriale, in cui si richiederà ai partecipanti di definire, in modo positivo, quali siano i cambiamenti necessari per avviare questa sfida; un percorso di condivisione all’interno di uno spazio web aperto, dove trovare i materiali formativi, gli esiti dei laboratori territoriali e le segnalazioni di esperienze, analisi e riflessioni; un percorso di consulenza e accompagnamento a sostegno dei “progetti di emancipazione” in atto o in fase di realizzazione già attivi sul campo, con competenze di carattere legislativo, architettoniche, sociali e scientifiche.

Come detto, a collaborare con l’Agenzia per la Tutela della Salute di Milano vi sarà un vasto partenariato, formato, oltreché dalla citata LEDHA, dall’Università di Milano, dalla SIDIN (Società Italiana per i Disturbi del Neurosviluppo-Disturbi dello Sviluppo Intellettivo e dello Spettro Autistico), dall’Azienda Speciale Consortile IPIS (Insieme Per il Sociale), dalla LEDHA di Milano, dalla Fondazione Idea Vita e dalle Cooperative Sociali Spazio Aperto Servizi, Progetto Persona, Lotta contro l’Emarginazione, Arcipelago, Il Balzo e Serena. Il tutto con l’adesione di un ampio numero di Comuni e di altri Enti Pubblici e Associazioni. (S.B.)

Il seminario online del 9 novembre verrà diffuso in streaming sulla pagina Facebook della LEDHA (a questo link). A questo e a quest’altro link, invece, sono disponibili rispettivamente il programma del seminario del 9 novembre e quello del percorso di formazione (gli interessati ad iscriversi possono farlo tramite il portale dell’Agenzia per la Tutela della Salute di Milano, registrandosi all’interno dell’area Formazione. In caso di problemi, scrivere a formazione@ats-milano.it, con oggetto Corso Dopo di Noi). Per ogni ulteriore informazione: ufficiostampa@ledha.it.

Stampa questo articolo