Intersezioni tra disabilità, arte, voce, tecnologia e comunità

Un’iniziativa volta a esplorare le intersezioni tra disabilità, arte, voce, tecnologia/intelligenza artificiale e comunità: sarà questo “Sensorium Ex: Voice beyond Language”, ovvero una serata di conversazione e performance artistica, promossa per l’11 novembre dall’American Academy in Rome, presso la propria sede romana

Oriella Orazi, "Aneliti di libertà", 1997 (particolare)

Oriella Orazi, “Aneliti di libertà”, 1997 (particolare)

Un’iniziativa volta a esplorare le intersezioni tra disabilità, arte, voce, tecnologia/intelligenza artificiale e comunità: sarà questo Sensorium Ex: Voice beyond Language, ovvero una serata di conversazione e performance artistica, promossa per giovedì 11 novembre dall’American Academy in Rome, presso la propria sede romana (Villa Aurelia, Largo di Porta San Pancrazio, 1, ore 18).

In tal senso gli organizzatori avrebbero particolare piacere, per l’occasione, ad interagire con leader locali, attivisti e organizzazioni impegnati su questi temi. (S.B.)

Ringraziamo il FID (Forum Italiano sulla Disabilità) per la segnalazione.

A questo link è disponibile un approfondimento sull’iniziativa. Per partecipare contattare Daniel Oxenhandler (do@enactlab.com).

Stampa questo articolo