Progettare qualità di vita: l’evoluzione della “Legge sul Durante e Dopo di Noi”

«Riteniamo di fondamentale importanza continuare a sollecitare tutti i diversi soggetti a vario titolo interessati affinché la grande opportunità offerta dalla “Legge sul Durante e Dopo di Noi” non venga vanificata dalle difficoltà legate ad una mancata infrastrutturazione della rete integrata dei servizi»: lo dichiara Roberto Speziale, presidente dell’ANFFAS, presentando il convegno online “Progettare qualità di vita: l’evoluzione della L. 112/2016”, promosso per il 1° dicembre, durante il quale verranno presentati i risultati del progetto ANFFAS “Liberi di scegliere… dove e con chi vivere”

Padre insieme a figlio con disabilità«Questa iniziativa nasce anche dalla consapevolezza che la Legge 112/16 [meglio nota come “Legge sul Durante e Dopo di Noi”, N.d.R.], unitamente al successivo Decreto Ministeriale del 23 novembre 2016, rappresentano, sul piano concettuale, giuridico e operativo, quanto di più avanzato disponga oggi il movimento delle persone con disabilità per affrontare il tema del “Durante e Dopo di Noi”. Allo stesso tempo, però, occorre tenere in debito conte che c’è ancora molta strada da fare per darne concreta e corretta applicazione in modo uniforme sull’intero territorio nazionale. Per tali motivi la nostra organizzazione, che ha voluto fortemente quella Legge, contribuendo fattivamente alla sua approvazione, divulgazione e sperimentazione pratica, ritiene di fondamentale importanza continuare a sollecitare tutti i diversi soggetti a vario titolo interessati affinché la grande opportunità da essa offerta non venga vanificata dalle indubbie difficoltà legate ad una mancata infrastrutturazione della rete integrata dei servizi, capace di attivare quel necessario cambiamento, senza il quale i diritti umani, civili e sociali delle persone con disabilità e dei loro familiari continueranno ad essere negati. Così come rimane ancora spesso priva di adeguate risposta l’angosciosa domanda “Cosa ne sarà dei nostri figli quando noi non ci saremo più” che noi genitori ci poniamo »: così Roberto Speziale, presidente nazionale dell’ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), presenta il convegno online intitolato Progettare qualità di vita: l’evoluzione della L. 112/2016, patrocinato dal Presidente della Camera Roberto Fico, che nella mattinata del 1° dicembre costituirà la proposta dell’ANFFAS stessa, in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità del 3 dicembre.

In particolare, nel corso dell’evento, che verrà anche diffuso in diretta nella pagina Facebook dell’ANFFAS Nazionale, verranno presentati i risultati del progetto Liberi di scegliere… dove e con chi vivere, sul quale ci siamo già ampiamente soffermati a suo tempo anche sulle nostre pagine. (S.B.)

A questo link è disponibile il programma completo dell’incontro del 1° dicembre, per partecipare al quale (ricordando ancora anche la diffusione nella pagina Facebook dell’ANFFAS Nazionale), ci si deve riferire a questo link (passcode: Anffas1221). Per ogni altra informazione: comunicazione@anffas.net.

Stampa questo articolo