- Superando.it - http://www.superando.it -

Un film che fa vivere ai vedenti le difficoltà della disabilità visiva

Sainey Fatty

Sainey Fatty, protagonista del film “Un giorno la notte”

Dopo le proiezioni di ottobre a Reggio Emilia e di novembre a Piacenza, a cura delle locali Sezioni dell’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), è questa volta l’UICi di Modena a promuovere nella propria città, in collaborazione con l’Istituto Garibaldi per i Ciechi di Reggio Emilia, con Zalab Film, con l’Associazione Arca di Noè e con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Modena, una nuova serata-evento, oggi, lunedì 6 dicembre, presso la Sala Truffaut di Via degli Adelardi, 4 (ore 19), dedicata al film Un giorno la notte di Michele Aiello e Michele Cattani, con l’autonarrazione visiva di Sainey Fatty e l’audiodescrizione di Andrea Pennacchi, opera prodotta da ZALAB Film.

Si tratta, come avevamo scritto a suo tempo, di un prezioso film biografico, «un’opera che “apre gli occhi!”», come è stato detto, e che ha al centro la vita del ventenne Sainey, arrivato in Italia dal Paese africano del Gambia, con la speranza di trovare una soluzione per la retinite pigmentosa di cui soffre. Dopo avere scoperto che anche qui non esiste una cura, cerca di imparare più cose possibili per prepararsi alla cecità, ma in questo viaggio verso l’oscurità, incontra un nuovo amico e scopre la passione per un nuovo sport, il baseball. Decide così di filmare la sua storia in prima persona e di mostrare al mondo che bisogna reagire anche contro le difficoltà più grandi.
«A partire dalla quotidianità di Sainey – sottolineano dall’UICI di Piacenza – e dal binomio auto-rappresentazione/rappresentazione, disabilità/normalità, impossibilità/possibilità, sogno/realtà, il pubblico avrà la speciale occasione di potere sperimentare la percezione degli stessi testimoni del film, anche grazie alla scelta dei registi del formato 4:3».

Al termine della proiezione è prevista una discussione alla presenza di Pasquale Di Flaviano, co-protagonista e ambasciatore del film, che illustrerà l’opera con una breve presentazione e sarà disponibile per domande e riflessioni del pubblico.

«Già da ottobre – sottolinea  Ivan Galliotto, presidente dell’UICI di Modena – in alcune sale cinematografiche della nostra Regione è possibile assistere, gratuitamente, alla visione di questa bella pellicola che ha già ricevuto vari riconoscimenti e che tocca tematiche importanti, dalla fragilità all’immigrazione, dall’amicizia al valore aggregante dello sport. Siamo dunque lieti di poterlo presentare gratuitamente anche a Modena, grazie alla preziosa collaborazione di tutti i soggetti istituzionali e privati coinvolti. L’invito è di cogliere questa occasione, perché Un giorno la notte è una vera e propria esperienza: è infatti realizzato in un formato tale da far vivere allo spettatore vedente le difficoltà e le complessità della vita di una persona con disabilità visiva, riuscendo in tal modo a coinvolgere emotivamente in profondità e offrendo quindi un contributo importante alla consapevolezza sulla disabilità visiva». (S.B.)

L’ingresso alla proiezione di stasera, 6 dicembre a Modena, di Un giorno la notte sarà gratuito, come detto, ma solo esibendo il Green Pass e indossando la mascherina (chirurgica o FFP2) durante l’intera serata. L’inizio è fissato per le 19, ma per gli spettatori sarà possibile accedere in sala a partire dalle 18:30. Per ogni ulteriore informazione: Marzia Mecozzi (m.mecozzi@audiotre.com).