Progettare la vita indipendente: strumenti e desideri

È questo il titolo del convegno annuale dell’AVI Marche (Associazione Vita Indipendente delle Persone con Disabilità), promosso in presenza – e in totale sicurezza – per il 16 dicembre ad Ancona, durante il quale, tra l’altro, Fabio Ragaini del Grupopo Solidarietà e Giovanni Merlo della Federazione lombarda LEDHA dialogheranno sul tema “La proposta di legge vita indipendente Lombarda, una prospettiva per la Regione Marche?”

Locandina del convegno di AVI Marche ad Ancona, 16 dicembre 2021Progettare la vita indipendente: strumenti e desideri: è questo il titolo del convegno annuale dell’AVI Marche (Associazione Vita Indipendente delle Persone con Disabilità), promosso in presenza – e in totale sicurezza – per giovedì 16 dicembre ad Ancona (Sala Conferenze Ego Hotel, Via Flaminia, 220, zona Torrette).

Dopo la presentazione a cura dell’Associazione organizzatrice, vi interverranno innanzitutto Ingrid Iencinella, psicologa e psicoterapeuta dell’équipe UMEA (Unità Multidisciplinare Età Adulta) di Jesi (Ancona), che tratterà il tema Presa in carico territoriale nella disabilità intellettiva in una prospettiva di Vita Indipendente e Giorgia Sordoni, vicepresidente e coordinatrice del Centro Papa Giovanni XXIII di Ancona (Accompagnamento all’autodeterminazione nella disabilità intellettiva).
Successivamente Marta Migliosi, responsabile della Formazione nell’AVI Marche, si occuperà del Ruolo degli sportelli nella progettazione territoriale di Vita Indipendente, mentre prima del dibattito conclusivo, Fabio Ragaini del Gruppo Solidarietà dialogherà con Giovanni Merlo, direttore della LEDHA (la Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità che costituisce la componenbte lombarda della FISH-Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) sul tema La proposta di legge vita indipendente Lombarda, una prospettiva per la Regione Marche?, un tema – quello della proposta di legge resa pubblica alla fine dello scorso anno dalla LEDHA (Politiche di welfare sociale regionale per il riconoscimento del diritto alla vita indipendente e all’inclusione sociale di tutte le persone con disabilità), già da noi ampiamente trattato a suo tempo  sulle nostre pagine. (S.B.)

Per ogni ulteriore informazione (e per la prenotazione, che è obbligatoria): formazione@avimarche.org.

Stampa questo articolo