In Toscana un Centro di ascolto per il caregiver familiare

La Regione Toscana ha attivato un Centro di ascolto per il caregiver familiare che consiste in un supporto telefonico (o tramite posta elettronica), rivolto a coloro che si prendono cura di un proprio congiunto non autosufficiente o con disabilità. Promosso all’insegna dello slogan “Aiutiamo chi aiuta”, il servizio consente di trovare ascolto e supporto psicologico, informazioni e orientamento su quanto viene offerto dal Servizio Sanitario Regionale e dalle Associazioni del territorio operanti in àmbito di disabilità

Disegno di due omini blu, uno dei quali spinge l'altro in carrozzinaLa Regione Toscana ha attivato un Centro di ascolto per il caregiver familiare che consiste in un supporto telefonico rivolto a coloro che si prendono cura di un proprio congiunto non autosufficiente o con disabilità.
Promosso all’insegna dello slogan Aiutiamo chi aiuta, il servizio consente ai e alle caregiver, attraverso il numero 055 4385270, di trovare ascolto e supporto psicologico, informazioni e orientamento su quanto viene offerto dal Servizio Sanitario Regionale e dalle Associazioni del territorio operanti in àmbito di disabilità.
Il Centro dispone di psicologi-psicoterapeuti professionisti appositamente formati per rispondere in maniera chiara e competente ai bisogni del/della caregiver aiutandolo/a a superare le difficoltà legate allo svolgimento del lavoro di cura. (Simona Lancioni)

Il servizio fornito dal Centro di ascolto per il caregiver familiare è attivo da lunedì a venerdì (ore 9-15) ed è accessibile, oltreché dal già menzionato numero 055 4385270, anche attraverso l’indirizzo ascolto.caregiver@regione.toscana.it.
La presente nota è già apparsa nel sito di Informare un’H-Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli di Peccioli (Pisa), e viene qui ripresa – con minime modifiche dovute al diverso contenitore – per gentile concessione.

Stampa questo articolo