Un’interpretazione condivisa (e ben comunicata) delle norme sul Terzo Settore

«Con l’avvio del Registro Unico Nazionale, ha fatto un importante passo in avanti l’attuazione della Riforma del Terzo Settore, ma per fare la differenza servono riferimenti normativi chiari e applicabili, un forte coordinamento tra le Istituzioni Nazionali e i livelli locali, e maggiore consapevolezza dei processi di cambiamento da parte delle organizzazioni»: così CSVnet e il Forum Nazionale del Terzo Settore presentano l’incontro del 19 gennaio “Consapevoli del cambiamento. La Riforma del Terzo Settore e la sfida di una comunicazione efficace”, che verrà anche diffuso in diretta streaming

Elaborazione grafica dedicata alla Riforma del Terzo Settore

Un’elaborazione grafica dedicata alla Riforma del Terzo Settore

«Tutti gli Enti del Terzo Settore sono chiamati ad adeguarsi ai nuovi scenari disegnati dalla Riforma del Terzo Settore che, con l’avvio del Registro Unico Nazionale, nel novembre scorso, ha fatto un importante passo in avanti nella sua attuazione. Per fare la differenza, però, sono necessari riferimenti normativi chiari e applicabili, un forte coordinamento tra le Istituzioni Nazionali e i livelli locali, ma anche tanta cultura diffusa e maggiore consapevolezza dei processi di cambiamento da parte delle organizzazioni»: così CSVnet (Associazione Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato) e il Forum Nazionale del Terzo Settore presentano l’incontro intitolato Consapevoli del cambiamento. La Riforma del Terzo Settore e la sfida di una comunicazione efficace, in programma per la mattinata di mercoledì 19 gennaio (ore 11-12), organizzato insieme alla Direzione Generale del Terzo Settore e della Responsabilità Sociale delle Imprese del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che sarà diffuso in diretta streaming sui canali YouTube e Facebook di Cantiere Terzo Settore.

Voluto dunque per fare il punto sull’importanza di una comunicazione efficace e puntuale che favorisca l’attuazione della nuova normativa, l’incontro sarà anche l’occasione per presentare i dati del citato progetto di comunicazione Cantiere Terzo Settore, frutto della collaborazione tra CSVnet e Forum Nazionale del Terzo Settore, organismi, va ricordato, che fanno parte entrambi del Consiglio Nazionale del Terzo Settore, istituito con funzioni consultive, di nomina e di vigilanza, monitoraggio e controllo sull’applicazione della normativa sul Terzo Settore. «Il portale Cantiere Terzo Settore – spiegano – è nato dalla volontà di rendere la normativa accessibile a tutti: agli operatori e ai professionisti, ai cittadini così come ai funzionari della Pubblica Amministrazione. Esso è costituisce la “voce” dell’Ufficio Giuridico-Legislativo del Terzo Settore e ha l’obiettivo di sviluppare e promuovere cultura e ricerca sulla riforma, sul diritto del Terzo Settore, nonché sugli impatti di tutto ciò, sia da un punto di vista teorico che pratico».

Aperto dai saluti istituzionali di Chiara Tommasini e Vanessa Pallucchi, rispettivamente presidente di CSVnet e portavoce del Forum Nazionale del Terzo Settore, l’incontro del 19 gennaio sarà moderato dal giornalista Giulio Sensi e vi parteciperanno Alessandro Lombardi, direttore generale del Terzo Settore e della Responsabilità Sociale delle Imprese nel Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che interverrà sul tema L’importanza di una interpretazione condivisa della Riforma del Terzo Settore, Massimo Novarino,  coordinatore dell’Ufficio Giuridico-Legislativo del Terzo Settore (Come rispondere a un crescente bisogno di informazione: i numeri di “Cantiere Terzo Settore”) e Lara Esposito del Coordinamento Editoriale di Cantiere Terzo Settore. (S.B.)

Per ogni ulteriore informazione e approfondimento: info@cantiereterzosettore.it; ufficiostampa@csvnet.it; stampa@forumterzosettore.it.
Del Forum Nazionale del Terzo Settore è socia anche la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap). A questo link è disponibile l’elenco di tutti i soci e degli aderenti al Forum stesso.

Stampa questo articolo