L’Autodromo di Imola sempre al fianco del “Percorso Mobilità” di Montecatone

All’insegna di una collaborazione che dura ormai da lungo tempo, è stata rinnovata sino alla fine del 2023 la convenzione tra l’Istituto Riabilitativo Montecatone di Imola (Bologna) – la nota struttura specializzata nel settore delle lesioni midollari e cerebrali – e l’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari della città emiliana, ciò che consente a Montecatone di svolgere una porzione importante del proprio “Percorso Mobilità”, programma propedeutico all’ottenimento della patente speciale da parte di persone con lesione midollare

Mario Tubertini e Pietro Benvenuti

Mario Tubertini (a sinistra) e Pietro Benvenuti, direttori generali rispettivamente di Montecatone e dell’Autodromo di Imola

All’insegna di una collaborazione già da noi segnalata in più di un’occasione, è stata rinnovata sino alla fine del 2023 la convenzione tra l’Istituto Riabilitativo Montecatone di Imola (Bologna) – la nota struttura specializzata nel settore delle lesioni midollari e cerebrali – e l’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari della città emiliana, gestito dalla Società Formula Imola, disciplinando ulteriormente un’ormai “storica” partnership, che consente a Montecatone di svolgere una porzione importante del proprio Percorso Mobilità, programma propedeutico all’ottenimento della patente speciale da parte di persone con lesione midollare.
Sottoscritta da Mario Tubertini, direttore generale di Montecatone e da Pietro Benvenuti, direttore generale dell’Autodromo, la convenzione prevede nel dettaglio la concessione all’Istituto Riabilitativo, a titolo non oneroso, dell’utilizzo del Paddock 2 e di altri servizi individuati per l’organizzazione e la gestione del Percorso Mobilità, il che prevede anche la guida di mezzi con comandi ausiliari. (S.B.)

Per ogni ulteriore informazione e approfondimento: Vito Colamarino (vito.colamarino@montecatone.com).

Stampa questo articolo