Le note e il canto di MagicaMusica contro tutte le guerre e per l’inclusione

«I nostri musicisti con disabilità hanno mostrato armonia ed equilibrio, ma soprattutto hanno fatto capire quanto la musica sia inclusione»: lo ha dichiarato Elena Veclani, presidente dell’Associazione MagicaMusica, dopo che l’Orchestra di tale organizzazione, composta in maggioranza da persone con disabilità, e tornata ad esibirsi in pubblico a Ponte di Legno (Brescia), ha voluto lanciare un messaggio forte e chiaro: «Siamo contro tutte le guerre del mondo e vogliamo la pace. Dedichiamo per questo un pensiero ai bambini, alle bambine, a tutte le vittime di tutte le guerre del mondo»

MagicaMusica a Ponte di Legno (Brescia), febbraio 2022

Un’immagine dell’esibizione dell’Orchestra MagicaMusica a Ponte di Legno

«La nostra Associazione non si limita ad onorare gli impegni, vuole piuttosto creare sempre nuove opportunità di socializzazione: infatti, per i ragazzi e le ragazze con disabilità, per le loro famiglie e per il nostro staff è stata l’occasione per conoscersi sotto una veste diversa, per abbattere distanza e recuperare quei legami che nel periodo dell’emergenza sanitaria sono stati sacrificati. Come la musica, anche questa è magia»: è stato certamente tutto questo, come ben sottolinea il maestro Piero Lombardi, il ritorno alle esibizioni in pubblico a Ponte di Legno (Brescia) dell’Orchestra MagicaMusica, gruppo composto in maggioranza da persone con disabilità, che costituisce il “fiore all’occhiello” dell’omonima Associazione di Castelleone (Cremona) (si legga anche la nostra presentazione dell’evento). Ed è stata naturalmente una splendida serata di musica e canto, con tante belle sorprese.

Ma non è stato solo questo, la serata di Ponte di Legno, perché dal palco l’Orchestra MagicaMusica ha voluto lanciare un messaggio forte e chiaro, ripreso anche dagli organi d’informazione generalisti: «Siamo contro tutte le guerre del mondo – è stato detto infatti – e vogliamo la pace. Dedichiamo per questo un pensiero ai bambini, alle bambine, a tutte le vittime di tutte le guerre del mondo».
In sottofondo risuonavano le note di C’era un ragazzo di Gianni Morandi ed Elena Veclani, presidente di MagicaMusica, ha commentato: «I nostri musicisti con disabilità hanno mostrato l’armonia e l’equilibrio dati dalla musica, ma soprattutto hanno fatto capire quanto la musica sia inclusione». (S.B.)

Per ogni ulteriore informazione e approfondimento Gloria Giavaldi (ufficiostampa@orchestramagicamusica.it).

Stampa questo articolo