Vietato non toccare: tra accessibilità e inclusione

Realizzata in occasione di “Abilitando 2021” dall’omonima Associazione torinese, è disponibile nel web un’intervista con Lucia Sarti, docente emerita dell’Università di Siena, sul tema “Vietato non toccare: tra accessibilità e inclusione”, curata in collaborazione con l’Associazione Utensilia e riguardante il laboratorio “Vietato non toccare”, promosso dall’Ateneo toscano, percorso tattile e olfattivo volto al superamento delle barriere fisiche e sensoriali e finalizzato alla ricerca di buone prassi per la progettazione accessibile degli ambienti dedicati all’arte e alla cultura

Mani che toccano una scultura

Mani che toccano una scultura

Realizzata lo scorso anno in occasione di Abilitando 2021 dall’omonima Associazione torinese che punta a migliorare il quotidiano delle persone con disabilità e a sostenere gli Enti che li supportano in particolare nell’inserimento lavorativo e scolastico, è disponibile da qualche giorno, nel sito della stessa Associazione Abilitando (a questo link, previa registrazione), l’intervista con Lucia Sarti sul tema Vietato non toccare: tra accessibilità e inclusione. L’esperienza dell’Università degli Studi di Siena, curata in collaborazione con l’Associazione Utensilia e nello specifico con il fondatore di quest’ultima Danny Casprini.
Lucia Sarti è docente emerita in Archeologia all’Università di Siene e l’intervista verte segnatamente sul laboratorio Vietato non toccare, promosso dall’Ateneo toscano, percorso tattile e olfattivo volto al superamento delle barriere fisiche e sensoriali e finalizzato alla ricerca delle buone prassi da adottare nella progettazione accessibile degli ambienti dedicati all’arte e alla cultura. (S.B.)

Per ulteriori informazioni: segreteria@abilitando.it.

Stampa questo articolo