“Rivedersi, Ripartire”: i giovani della UILDM tornano a guardarsi negli occhi

«Abbiamo intitolato questo incontro “Rivedersi, Ripartire”, proprio per sottolineare il nostro desiderio di esserci, fisicamente, e partire verso obiettivi comuni con uno spirito diverso. Una nuova era non solo per noi componenti del Gruppo, ma per tutta la nostra Associazione»: così Marta Migliosi, consigliera nazionale della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), presenta la tre giorni organizzata a Bologna dal Gruppo Giovani dell’Associazione, dal 25 al 27 marzo, un ritorno al confronto in presenza, per parlare di progetti di vita e dell’impegno come volontari UILDM

Incontro del Gruppo Giovani UILDM

Un incontro del Gruppo Giovani UILDM

«È davvero bello e importante tornare a confrontarsi in presenza: a Bologna, infatti, vedremo soci e socie da numerose delle nostre 66 Sezioni locali»: a dirlo è Marta Migliosi, consigliera nazionale della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), a proposito della tre giorni di incontro organizzata dal Gruppo Giovani dell’Associazione, dal 25 al 27 marzo a Bologna, per parlare di progetti di vita e dell’impegno come volontari UILDM.
«Dopo due anni di pandemia – aggiunge Migliosi – torneremo quindi a pensare al futuro guardandoci negli occhi, e non più solo attraverso uno schermo. L’impegno dei Giovani della UILDM, per altro, non è mai mancato in questo periodo difficile, ma la vera energia nasce da chi abbiamo intorno. Abbiamo intitolato questa tre giorni Rivedersi, Ripartire, proprio per sottolineare il nostro desiderio di esserci, fisicamente, e partire verso obiettivi comuni con uno spirito diverso. Una nuova era non solo per noi componenti del Gruppo, ma per tutta la UILDM».

«L’esperienza del nostro Gruppo Giovani – spiegano dalla UILDM – è nata nel 2018 con l’obiettivo di portare all’attenzione dell’Associazione i temi legati al mondo giovanile, all’autonomia e alla Vita indipendente. L’attività del Gruppo intende favorire così il ricambio generazionale a livello locale e nazionale, per fare in modo che il “passaggio di consegne” possa partire dalla preziosa esperienza del passato, da unire alle spinte che portano al futuro, verso nuovi obiettivi e traguardi».

Come sottolineato da Migliosi, nemmeno nel periodo della pandemia il Gruppo Giovani UILDM si è fermato, spendendosi per organizzare incontri digitali dedicati in particolare alla Vita indipendente, e approfondimenti sui canali cartacei dell’Associazione. Nel settembre dello scorso anno, inoltre, è stato organizzato il G-DAY (se ne legga anche sulle nostre pagine), un pomeriggio in radio in collaborazione con Radio FinestrAperta (redazione della UILDM Lazio),  durante il quale si è parlato di sessualità, volontariato e Vita indipendente». (S.B.)

Per ogni ulteriore informazione e approfondimento: uiildmcomunicazione@uildm.it (Alessandra Piva e Chiara Santato).

Stampa questo articolo