La sindrome di Sjögren sia riconosciuta come Rara: una mozione nel Veneto

Il Consiglio Regionale del Veneto ha approvato una mozione che impegna tra l’altro la Giunta Regionale «ad attivarsi presso il Ministero della Salute affinché la Sindrome di Sjögren primaria sistemica sia riconosciuta come malattia rara nei LEA Nazionali». Si parla infatti di una malattia infiammatoria autoimmune che colpisce nel 90% dei casi le donne e che non è ancora inserita nei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) né nel Registro Nazionale delle Malattie Rare, ciò su cui è impegnata da tempo l’ANIMASS (Associazione Nazionale Italiana Malati Sindrome di Sjögren)

Copertina di libro ANIMASS, secondo volume

La copertina del secondo volume di “Sindrome di Sjögren: conoscerla e curarla INSIEME”, libro realizzato dall’ANIMASS, per cura della presidente dell’Associazione Lucia Marotta

Come segnala l’ANIMASS (Associazione Nazionale Italiana Malati Sindrome di Sjögren), il Consiglio Regionale del Veneto ha approvato all’unanimità una mozione (disponibile a questo link), che impegna la Giunta Regionale «ad attivarsi presso il Ministero della Salute affinché la Sindrome di Sjögren primaria sistemica sia riconosciuta come malattia rara nei LEA del Sistema Sanitario Nazionale, prevedendo il suo inserimento nell’elenco di cui al DM n. 270/2001 [in realtà 279/2001, N.d.R.], la sua classificazione nel nomenclatore nazionale e l’esenzione dalla partecipazione ai relativi costi sanitari».
Malattia infiammatoria autoimmune, che colpisce nel 90% dei casi le donne, la sindrome di Sjögren primaria sistemica, va ricordato infatti, non è ancora inserita nei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) né nel Registro Nazionale delle Malattie Rare, ciò su cui è impegnata ormai da anni l’Associazione ANIMASS. (S.B.)

Per ogni ulteriore informazione e approfondimento: animass.sjogren@fastwebnet.it.

Stampa questo articolo