La Fondazione ARCA tra sensibilizzazione sull’autismo, scienza e inclusione

Tradizionalmente impegnata soprattutto in questo mese di aprile, aperto dalla Giornata Mondiale per la Consapevolezza dell’Autismo, la Fondazione ARCA (Autismo Relazioni Cultura e Arte) di Senigallia (Ancona) festeggia quest’anno anche il proprio decennale e per l’occasione ha promosso alcune iniziative di informazione e socializzazione rivolte a tutti in una logica inclusiva. Accadrà ancora il 30 aprile, con un “Open Day” presso la propria Biblioteca Speciale, diffuso anche in diretta streaming, cui interverranno specialisti del settore educativo, culturale, socio-sanitario e delle arti

2 aprile 2022: Porta Lambertina a Senigallia illuminata di blu

Di fronte a Porta Lambertina di Senigallia (Ancona), illuminata di blu il 2 aprile scorso, in occasione della Giornata Mondiale per la Consapevolezza dell’Autismo, il manifesto prodotto dalla Fondazione ARCA in tre diverse modalità di scrittura

Nata dalla condivisione di un progetto culturale e sociale che lega dimensioni quali l’arte, l’autismo e le disabilità intellettive, la Fondazione ARCA di Senigallia (Ancona), ove ARCA sta per Autismo Relazioni Cultura e Arte, persegue principalmente l’obiettivo di creare una rete sul territorio fatta di attori pubblici, Terzo Settore e famiglie ed è in particolare nel mese di aprile, aperto dalla Giornata Mondiale per la Consapevolezza dell’Autismo, che essa, come viene spiegato, «organizza una serie di iniziative per sensibilizzare il territorio, bypassare informazioni e non fake news alle famiglie, ai caregiver e agli operatori, riportando ciò che si realizza in altre parti d’Italia e i buoni esempi della nostra Regione nel rispetto della letteratura nazionale e internazionale».
Quest’anno, inoltre, si è trattato di un aprile ancor più “speciale”, coincidendo con il decennale di tale organizzazione. «E quindi per l’occasione – viene sottolineato – abbiamo pensato a una serie di iniziative rivolte sia ai più giovani che agli adulti, destinate non soltanto alle famiglie con persone autistiche, ma a tutti in una logica inclusiva, con interventi di carattere scientifico, tenuti da professionisti di carattere sanitario e di valenza nazionale, oltre a momenti di socializzazione per le famiglie, da svolgere insieme nella nostra Biblioteca Speciale* e anche ascoltando buoni esempi dal mondo educante e di apprendimento di valenza universitaria e di ricerca continua a livelli mondiali».

Pertanto, il 2 aprile, la tradizionale iniziativa della Giornata Mondiale sull’Autismo M’illumino di Blu ha visto sì i Comuni marchigiani aderenti illuminare un proprio monumento con il colore simbolo dell’autismo, ma anche corredarlo con un manifesto dotato di tre diverse modalità di scrittura per la comunicazione universale: alfabetica, in CAA (Comunicazione Aumentativa Alternativa), con sistemi di comunicazione non sottoposti al diritto d’autore (Arasaac e Bliss), nonché in versione audio, rispettando anche le regole di un linguaggio facile da leggere e da comprendere (Easy To Read).

Il 30 aprile prossimo, invece, a chiusura del mese, è previsto un Open Day sempre presso la Biblioteca Speciale di ARCA, che verrà anche diffuso in diretta streaming, durante il quale interverranno specialisti del settore educativo, culturale, socio-sanitario e delle arti in una prospettiva di condivisa sensibilizzazione delle diverse necessità delle persone con spettro autistico che hanno il dovere di “viverle” tutti i giorni.

«Per perseguire i nostri obiettivi – sottolineano da ARCA – ci avvaliamo di diversi profili di professionisti, psicologi, pedagogisti, esperti in autismo e operatori, che nel corso degli anni si sono spesi per la formazione costante, sia del team interno che della comunità (docenti di ogni ordine e grado, educatori, genitori ecc.), secondo le metodologie più innovative e parlando della “Qualit6à di Vita” per tutti. La presa in carico della persona con autismo, infatti, della sua famiglia e dei caregiver deve prevedere la co-costruzione dei servizi attraverso il coinvolgimento costante delle agenzie sociali e della scuola, oltre che della sanità, al fine di realizzare una vera inclusione». (S.B.)

*La Biblioteca Speciale della Fondazione ARCA si basa soprattutto su pubblicazioni in CAA (Comunicazione Aumentativa e Alternativa) e libri in simboli (IN-Book).

A questo link è disponibile il programma completo dell’Open Day del 30 aprile, oltre alla modalità per parteciparvi. Per ulteriori informazioni: segreteria@fondazionearca.org.

Stampa questo articolo