Lavoratori e lavoratrici con disabilità in Piazza Maggiore a Bologna

«Vogliamo contribuire a rendere la Festa dei Lavoratori una giornata in cui ribadire l’importanza del lavoro come strumento di crescita personale e inclusione per le persone con fragilità e disabilità»: lo dicono dalla Fondazione OPIMM di Bologna, che per questo, domenica 1° maggio, presenzierà con una delegazione di persone con disabilità del proprio CLP (Centro di Lavoro Protetto) alla Festa dei Lavoratori e delle Lavoratrici, organizzata dai sindacati confederali nella Piazza Maggiore del capoluogo emiliano

Centro di Lavoro Protetto della Fondazione OPIMM di Bologna

Lavoratori e lavoratrici con disabilità impegnati nel Centro di Lavoro Protetto della Fondazione OPIMM di Bologna

Domenica 1° maggio una delegazione di persone con disabilità del CLP (Centro di Lavoro Protetto) della Fondazione OPIMM di Bologna sarà presente alla Festa dei Lavoratori e delle Lavoratrici, organizzata in mattinata dai sindacati confederali (CGIL, CISL, UIL), in Piazza Maggiore del capoluogo emiliano.

«Le vite delle persone con disabilità sono spesso “invisibilizzate” – spiegano da OPIMM – e per questo motivo i lavoratori e le lavoratrici del nostro CLP, presente con un suo gazebo nel “crescentone”* di Piazza Maggiore, mostreranno di persona alcune delle commesse in conto terzi che realizzano per diverse aziende bolognesi. Ci sarà anche un’esposizione dei prodotti del nostro Atelier di Ceramica, spazio in cui le abilità e la creatività delle persone con disabilità si uniscono alla tecnica della lavorazione dell’argilla, per dare vita a pezzi unici».
«In questo modo – concludono – vogliamo contribuire a rendere la Festa dei Lavoratori una giornata in cui ribadire l’importanza del lavoro come strumento di crescita personale e inclusione per le persone con fragilità e disabilità». (S.B.)

*La pavimentazione sopraelevata di Piazza Maggiore a Bologna, in granito bianco e rosa, è popolarmente nota come il “crescentone”.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: comunicazione@opimm.it.

Stampa questo articolo