Il museo come non l’hai mai visto

Far conoscere ai componenti della Commissione Cultura, Politiche Giovanili e Lavoro di Roma Capitale come sia possibile agevolare la fruizione delle opere pittoriche e scultoree da parte delle persone non vedenti e ipovedenti, mediante un percorso tattile da vivere bendati e condotti da persone con disabilità visiva: consisterà in questo l’iniziativa denominata “Il museo come non l’hai mai visto”, promossa per il 18 maggio dall’UICI di Roma, in collaborazione con l’Associazione Museum, in occasione della Giornata Internazionale dei Musei, dedicata quest’anno al tema “Il potere dei musei”

Manifesto della Giornata Internazionale dei Musei del 18 maggio

Il manifesto della Giornata Internazionale dei Musei del 18 maggio

«Ad oggi – afferma Giuliano Frittelli, presidente dell’UICI di Roma (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) – l’accessibilità culturale (e non solo) per le persone non vedenti e ipovedenti è purtroppo ancora una chimera. Per questo stiamo lavorando, affinché la cultura sia fruibile per tutti, con un sogno: che in occasione del Giubileo del 2025, Roma diventi la capitale d’Italia dell’accessibilità».
Rientra in questo àmbito l’iniziativa denominata Il museo come non l’hai mai visto, evento di sensibilizzazione volto a favorire l’accessibilità museale, promosso in occasione della Giornata Internazionale dei Musei nella mattinata del 18 maggio prossimo, a cura dell’UICI capitolina, in collaborazione con l’Associazione Museum, presso la Pinacoteca dei Musei Capitolini (Sala Pietro da Cortona, ore 11),

«La proposta – spiegano i promotori – è quella di far conoscere come sia possibile agevolare la fruizione delle opere da parte delle persone non vedenti e ipovedenti, mediante un percorso tattile organizzato sui dipinti e sulle sculture attraverso la sollecitazione della rappresentazione immaginativa delle opere, utilizzando canali alternativi alla percezione visiva e consentendo quindi una rielaborazione autonoma del messaggio artistico al di là del dato sensibile».
L’iniziativa, dunque, prevede la partecipazione dei componenti della Commissione Cultura, Politiche Giovanili e Lavoro di Roma Capitale che verranno invitati a vivere un’esperienza sensoriale al buio condotta da persone con disabilità visiva, ognuna delle quali spiegherà un’opera. Tale itinerario prenderà in esame opere pittoriche e scultoree, offrendo alle persone bendate un’esperienza percettiva totale, aumentata dalla sensazione della bellezza e dalla persistenza di quanto esperito nella memoria del visitatore.

«Alla presentazione degli Autori delle opere nel loro contesto storico – ricordano ancora dall’UICI di Roma -, faranno seguito un’accurata lettura di disegni in rilievo, appositamente predisposti, che riproducono le varie fasi dell’elaborazione artistica; l’ascolto di pagine drammatizzate evocative dei soggetti rappresentati e di brani musicali che, nel rapporto timbri-toni, suggeriscono l’atmosfera propria dei singoli dipinti; alcune sollecitazioni olfattive, richiami analogici e sinestetici». (S.B.)

Per ogni ulteriore informazione e approfondimento: Ufficio Stampa UICI Roma (Giovanni Fornaciari), ufficiostampa@uicroma.it.

La Giornata Internazionale dei Musei
Si celebra il 18 maggio di ogni anno in tutto il mondo, con l’obiettivo di accrescere la consapevolezza sul fatto che i musei sono un importante mezzo di scambio culturale, di arricchimento delle culture e di sviluppo della comprensione reciproca, della cooperazione e della pace fra i popoli.
Il tema di quest’anno è Il potere dei musei, perché i musei hanno il potere di trasformare il mondo attorno a sé attraverso prospettive quali il potere di innovare in materia di digitalizzazione e accessibilità. In tal senso, i musei sono divenuti terreni di gioco innovativi, in cui le nuove tecnologie possono essere sviluppate e applicate alla vita di tutti i giorni e l’innovazione digitale può rendere i musei stessi più accessibili e coinvolgenti, aiutando il pubblico a comprendere concetti complessi con differenti connotazioni.

Stampa questo articolo