Tornano gli “Accessibility Days”, dedicati a tutte le disabilità

«Abbiamo atteso questo momento per due anni e finalmente ora potremo incontrarci anche in presenza, per condividere, attraverso l’esperienza diretta, tutte le novità che la tecnologia è in grado di offrire. Consideriamo un ottimo risultato essere riusciti ad ampliare il campo: dalla disabilità visiva a tutte le disabilità»: lo dicono i promotori degli “Accessibility Days 2022”, grande evento sull’accessibilità e l’inclusività delle tecnologie digitali, che si terrà in presenza all’Istituto dei Ciechi di Milano, domani, 20 maggio, e sabato 21, ma che potrà anche essere seguito online

Logo degli "Accessibility Days 2022"«Conferenze, workshop, aree tematiche, software house internazionali e un palcoscenico d’eccezione, ma anche cene al buio, l’emozionante percorso sensoriale Dialogo nel buio e tutti i momenti che avvicinano lo spettatore, più di ogni altra esperienza, al mondo della disabilità e al ruolo imprescindibile dell’inclusione»: viene presentato così il “ritorno” degli Accessibility Days all’Istituto dei Ciechi di Milano, evento sull’accessibilità e l’inclusività delle tecnologie digitali, che domani, 20 maggio, e sabato 21, riprenderà in tal modo il filo interrotto dal Covid nel 2020, «facendo tesoro – come spiegano i promotori – di tutto quello che di buono è arrivato dalla tecnologia negli ultimi due anni, e approfondendo temi che riguardano tutte le disabilità, con focus particolari su quella visiva e una forte e crescente collaborazione con l’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), ricordando tra l’altro che proprio dai soci dell’UICI di Ancona l’evento ha avuto origine sei anni fa».
La manifestazione si svolge non a caso subito dopo l’undicesima Giornata Mondiale della Sensibilizzazione sull’Accessibilità, evento di cui scriviamo anche in altra parte del giornale, promosso dalla Fondazione GAAD, organizzazione internazionale nata per includere l’accessibilità come requisito fondamentale nella cultura della tecnologia e nel quadro dello sviluppo di prodotti digitali.

L’Istituto dei Ciechi di Milano, dunque, sarà la sede-base di una manifestazione in presenza (a ingresso gratuito), ospitando oltre venti aree espositive e postazioni, un’“area giochi” accessibile e l’angolo dei produttori con dispositivi che potranno essere provati di persona. Il tutto, petr altro, potrà anche essere seguito online.
Saranno presenti tra gli altri a Milano Microsoft, Google, Meta, IBM, RAI, Salesforce, TIM, Fastweb, Airbnb, l’AGID (Agenzia per l’Italia digitale), CNR, INPS, il Politecnico di Milano e, sul fronte associativo, la Lega del Filo d’Oro, l’ENS (Ente Nazionale Sordi)  e l’AID (Associazione Italiana Dislessia), per dare via a una due giorni che dedicherà ampio spazio anche al mondo della scuola e a quello dell’occupazione, con l’iniziativa Lavoropiù, che metterà a disposizione un’opportunità di selezione e reclutamento per le persone appartenenti alle cosiddette “categorie protette”.

«Abbiamo atteso questo momento per due anni – sottolinea  Sauro Cesaretti, uno dei fondatori degli Accessibility Days – e finalmente ora potremo incontrarci anche in presenza, per condividere, attraverso l’esperienza diretta, tutte le novità che la tecnologia è in grado di offrire. Consideriamo un ottimo risultato essere riusciti ad ampliare il campo: dalla disabilità visiva, punto di partenza degli Accessibility Days, a tutte le disabilità».
«Il 2021 – aggiunge il cofondatore Stefano Ottaviani – ha segnato un anno di svolta nella percezione dell’accessibilità da parte di aziende e organizzazioni, che stanno rivolgendo, come non mai, il loro interesse verso questo importante tema. Invitiamo dunque tutti a partecipare all’evento di domani e dopodomani, per arricchire le proprie conoscenze e vivere una due giorni che promette di rivoluzionare esperienze e punti di vista». (S.B.)

A questo link è disponibile il programma completo degli Accessibilty Days 2022 (tutte le sessioni saranno accessibili alle persone con disabilità uditiva grazie alla sottotitolazione e al servizio di interpretariato LIS-Lingua dei Segni Italiana). Per iscriversi accedere a quest’altro link. Per ogni ulteriore informazione e approfondimento: info@accessibilitydays.it (Teresa Valiani).

Stampa questo articolo