Quarant’anni di impegno per i diritti e l’autonomia delle persone sorde

È decisamente un traguardo importante, per un’Associazione, quello del quarantennale, e per l’AFA della Provincia di Como (Associazione Famiglie Audiolesi), che lo festeggia in questo 2022, sono stati quarant’anni di impegno per la piena realizzazione dell’indipendenza e dell’autonomia delle persone sorde. L’anniversario verrà degnamente festeggiato il 5 giugno a Cantù, con l’evento denominato “40 anni insieme. Un percorso nella storia dell’AFA: ricordi, emozioni, immagini e prospettive”, tra riflessioni, giochi, musica, divertimento e altri momenti di intrattenimento

Logo dell'AFA della Provincia di ComoSono decisamente un traguardo importante, per un’Associazione, quarant’anni di impegno, ciò che riguarda in questo 2022 l’AFA della Provincia di Como (Associazione Famiglie Audiolesi), nata appunto nel 1982 e composta in quel momento da genitori e minori audiolesi, mentre ora si rivolge più in generale a giovani e adulti audiolesi, oltreché alle loro famiglie. E tale anniversario verrà degnamente festeggiato domenica 5 giugno al Parco del Bersagliere di Cantù (Via Como), con l’evento denominato 40 anni insieme. Un percorso nella storia dell’AFA: ricordi, emozioni, immagini e prospettive, tra riflessioni, giochi, musica, divertimento e altri momenti di intrattenimento.

Componente della FIADDA (Famiglie Italiane Associate per la Difesa dei Diritti degli Audiolesi), aderente, quest’ultima, alla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), l’AFA della Provincia di Como ha privilegiato sin dagli inizi la scelta dell’oralismo, «con la convinzione – come sottolinea la presidente Anna Malgesini – che solo in questo modo si favorisca la piena realizzazione delle persone sorde fino all’indipendenza e all’autonomia».
L’obiettivo principale dell’Associazione, dunque, è da sempre quello di facilitare l’inclusione nella società delle persone con audiolesione, privilegiando l’apprendimento del linguaggio verbale e una buona padronanza linguistica, consentendo in tal modo la comunicazione in ogni àmbito, dalla scuola al lavoro, fino a una partecipazione attiva alla vita sociale e culturale.

Nello specifico, l’AFA comasca punta sullo screening neonatale esteso a tutti i nati, sulla diagnosi precoce, così come su una precoce protesizzazione e sull’applicazione dell’implantologia cocleare. Promuove inoltre la ricerca clinica e genetica, sostenendo, su un altro versante, l’inclusione scolastica e universitaria e impegnandosi altresì per evitare la discriminazione delle persone con disabilità, favorendone una collocazione mirata nel mondo del lavoro. E da ultimo, ma non certo ultimo, il superamento delle barriere culturali e della comunicazione, supportando la diffusione della sottotitolazione e delle innovazioni tecnologiche.
Tutto ciò viene perseguito organizzando convegni, seminari e tavole rotonde, diffondendo il proprio Decalogo, realizzato per facilitare la comunicazione con le persone sorde, ma anche tramite varia pubblicistica, nonché fornendo consulenze in sede, assistenza legislativa e sostegno anche legale su eventuali contenziosi. (S.B.)

A questo link è disponibile la locandina della festa del 5 giugno dell’AFA della Provincia di Como. Per ogni ulteriore informazione e approfondimento: afa.audiolesi@gmail.com.

Stampa questo articolo