Anche bimbi provenienti dall’Ucraina ai laboratori inclusivi di Capaccio Paestum

Hanno preso il via il 4 giugno scorso, presso il Camping dei Pini in località Torre di Paestum (Salerno), una serie di laboratori creativi e ludici motori rivolti ai bimbi del territorio, ma anche a bambini con disturbo dello spettro autistico provenienti dall’Ucraina e ospiti presso il Comune di Capaccio Paestum, a cura della locale Associazione Cilento4all-Cooperativa Sociale Il Tulipano, iniziativa patrocinata dallo stesso Comune di Capaccio Paestum e dall’Associazione ANGSA Campania

Laboratori bambini con autismo Paestum, giugno 2022Hanno preso il via il 4 giugno scorso, presso il Camping dei Pini in località Torre di Paestum (Salerno), una serie di laboratori creativi e ludici motori rivolti ai bimbi del territorio, ma anche a bambini con disturbo dello spettro autistico provenienti dall’Ucraina e ospiti presso il Comune di Capaccio Paestum (Salerno), a cura della locale Associazione Cilento4all-Cooperativa Sociale Il Tulipano, iniziativa patrocinata dallo stesso Comune di Capaccio Paestum e dall’ANGSA Campania (Associazione Nazionale Genitori perSone con Autismo), con il contributo dell’otto per Mille della Chiesa Valdese.

«Siamo molto contenti – dichiara Maria Rosaria Picariello, assessora all’Istruzione del Comune di Capaccio Paestum – per questa iniziativa a favore di bambini vittime della guerra e che hanno subìto il trauma dell’esilio. Essi, infatti, potranno essere protagonisti di attività sociali inclusive strutturate in forma personalizzata e individualizzata sulla base dei bisogni di ciascuno di essi».

«Come ANGSA Campania – commenta dal canto suo Claudia Nicchiniello, presidente di tale Associazione – abbiamo avviato un processo di rinnovamento culturale che abbiamo chiamato Cultur-Aut, ovvero la cultura della emozioni associate alle condizioni di neurodiversità, e la cultura delle attività pedagogiche che si pongono obiettivi di mediazione tra neurodiversità. Per questo abbiamo ben volentieri aderito all’iniziativa proposta da Cilento4all e Il Tulipano, coordinata da Giovanni Minucci, che sottolinea come i laboratori strutturati con comunicazione non verbale siano strumenti concreti di accoglienza e di inclusione al di là delle differenze di cultura e di lingua di ciascun partecipante». (S.B.)

Per ogni ulteriore informazione e approfondimento: info@cilento4all.com.

Stampa questo articolo