Tredici giovani con autismo in cammino verso Santiago di Compostela

“CamminAutismo” è un progetto promosso dall’Associazione Mulino Sambuy di San Mauro Torinese e i principali protagonisti saranno tredici giovani con autismo, provenienti da diverse altre realtà associative e accompagnati nella loro impresa da trentuno persone tra volontari, professionisti e familiari, che da oggi, 5 settembre, fino al 12 del mese, percorreranno in Spagna gli ultimi 114 chilometri del celebre Cammino di Santiago di Compostela. Il tutto per far conoscere la tematica dell’autismo e creare percorsi di autonomie di vita tramite specifici training

Mulino Sambuy, San Mauro Torinese (Torino)

Foto di gruppo per l’Associazione Mulino Sambuy di San Mauro Torinese, promotrice del progetto “CamminAutismo”

Il progetto si chiama CamminAutismo, lo ha promosso l’Associazione Mulino Sambuy di San Mauro Torinese (Torino) e i principali protagonisti saranno tredici giovani con autismo, provenienti da diverse altre realtà associative e accompagnati nella loro impresa da trentuno persone tra volontari, professionisti e familiari, che da oggi, 5 settembre, partiranno dalla città spagnola di Sarria, per percorrere in sei giorni gli ultimi 114 chilometri del celebre Cammino di Santiago di Compostela e arrivare il 12 settembre nel capoluogo galiziano.
L’obiettivo, oltre a quello di far conoscere la tematica dell’autismo, è creare percorsi di autonomie di vita: durante tutto il cammino, infatti, i giovani affronteranno specifici training e verranno messi a confronto con situazioni per loro completamente nuove.

«Questo progetto – spiega il coordinatore Graziano Lomagistro, educatore professionale  parte dal basso e coinvolge direttamente tante realtà associative presenti sul territorio. E proprio il coinvolgimento di tutte queste realtà, il loro enorme entusiasmo, ha permesso alla fine che tutto ciò si realizzasse. Si tratta di un progetto prezioso per i giovani che vi parteciperanno, perché realmente abilitativo: finalmente, infatti, potranno “generalizzare” apprendimenti in contesti esterni. È infatti sfruttando le risorse offerte dalla società che la riabilitazione diventa vera abilitazione. Non quindi una settimana di vacanza, ma parte di un lungo training già iniziato nell’aprile scorso, quando i ragazzi e le ragazze hanno preso parta ad allenamenti specifici. Una volta completato il Cammino ci sarà poi un’importante restituzione che permetterà di dimostrare, con l’evidenza di dati scientifici, quanto a prescindere dal luogo, questo tipo di iniziative permetta concretamente di raggiungere obiettivi specifici, come una maggiore e più profonda inclusione delle persone con disturbo dello spettro autistico».

Patrocinatsa dalla Regione Piemonte, dalla Città Metropolitana di Torino, dalle ASL Città di Torino e To4, dalle Città di San Mauro Torinese, Settimo Torinese e Castiglione Torinese, l’iniziativa vedrà vede la partecipazione dell’Associazione Ri-Ciclistica Settimese, dell’UISP Piemonte (Unione Italiana Sport per Tutti), dell’ANGSA di Torino (Associazione Nazionale Genitori di perSone con Autismo) e di quella della Spezia, delle Cooperative F.I.ABA e AnimazioneValdocco e di Insieme per Vincere Amici di Cinzia ONLUS.

L’Associazione Mulino Sambuy è diventata negli anni un polo inclusivo per ragazzi, nello specifico con spettro autistico. Si occupa infatti di divulgazione sul tema dell’autismo, di aggregazione e inclusione attraverso eventi culturali e soprattutto tramite l’agricoltura sociale, per offrire opportunità a persone in situazione di svantaggio. (S.B.) 

Per ogni ulteriore informazione e approfondimento: Ufficio Stampa Vol.To (Centro Servizi per il Volontariato Torino), ufficiostampa@volontariato.torino.it.

Stampa questo articolo