Accessibilità e uso equo degli ascensori: una ricerca e un questionario

Accessibilità e uso equo degli ascensori: è il tema dello studio di un gruppo di ricercatori dell’Università IUAV di Venezia, che intende verificare le criticità nell’uso dell’ascensore attraverso vari passaggi, il primo dei quali è un questionario di semplice compilazione, intitolato “Ascensori: esperienza d’uso e sicurezza”, che ha l’obiettivo di comprendere quali caratteristiche/proprietà dell’ascensore possano essere migliorate o implementate, per consentire un uso semplice ed equo da parte di tutti gli utenti

Persona con disabilità in carrozzina davanti a un ascensore condominiale

Una persona con disabilità in carrozzina davanti a un ascensore condominiale

Accessibilità e uso equo degli ascensori: è il tema dello studio di un gruppo di ricercatori dell’Università IUAV di Venezia (già Istituto Universitario di Architettura di Venezia), studio approvato dal Comitato Etico della stessa Università IUAV, che intende verificare appunto le criticità nell’uso dell’ascensore attraverso vari passaggi, il primo dei quali è un questionario di semplice compilazione, intitolato Ascensori: esperienza d’uso e sicurezza, cui ben volentieri diamo visibilità (a questo link), che ha l’obiettivo di comprendere quali caratteristiche/proprietà dell’ascensore possano essere migliorate o implementate, per consentire un uso semplice ed equo da parte di tutti gli utenti.
«L’ascensore – spiegano i promotori della ricerca -, ausilio per eccellenza atto al superamento delle barriere architettoniche, è uno spazio confinato che nella quasi totalità dei casi presenta alcuni limiti in relazione alle esigenze delle persone con diverse disabilità. Lo scopo principale di questa nostra indagine è renderne l’utilizzo il più equo possibile, ossia perfezionare quelle caratteristiche che consentono controllo, sicurezza e autonomia al più ampio numero possibile di utenti, dando quindi nuovi impulsi all’evoluzione del prodotto e alla conoscenza di esso, secondo i principi dell’Universal Design (“progettazione universale”). (S.B.)

Ricordiamo ancora il link al quale accedere per rispondere al questionario di cui si parla nella presente nota. A quest’altro link, invece, è disponibile una presentazione del gruppo di ricerca e il lavoro finora svolto. Per ogni altra informazione: elenag@iuav.it (Elena Giacomello) o gperrucci@iuav.it (Giovanni Perrucci).

Stampa questo articolo