150.000 euro in buoni carburante per il trasporto di persone con disabilità

La distribuzione di 150.000 euro in buoni carburante per potenziare i servizi di trasporto attrezzato per le persone con disabilità, ovvero un anno di trasporto per soci e utenti della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), pari a un totale di 1.100.000 chilometri percorsi dai mezzi delle Sezioni dell’Associazione che offrono questo tipo di servizio: è uno dei risultati concreti della Giornata Nazionale UILDM, che ha sostenuto il progetto “E.RE. – Esistenze Resilienti”, basato appunto sul diritto alla mobilità, ma anche sull’informazione e la formazione

Mezzo attrezzato della UILDM di Brescia

Quello della UILDM di Brescia è uno dei tanti mezzi attrezzati per il trasporto di persone con disabilità, presenti presso le Sezioni locali di tale Associazione

La distribuzione di 150.000 euro in buoni carburante per potenziare i servizi di trasporto attrezzato per le persone con disabilità, una cifra che permetterà di finanziare un anno di trasporto per soci e utenti della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), pari a un totale di un milione e 100.000 chilometri percorsi dai mezzi delle Sezioni dell’Associazione che offrono questo tipo di servizio: è uno dei risultati concreti della Giornata Nazionale UILDM, evento da noi presentato nelle scorse settimane, che la stessa UILDM commenta così: «Siamo molto soddisfatti per il traguardo raggiunto, perché siamo consapevoli di quanto il diritto alla mobilità, insieme alla libertà di movimento, siano aspetti fondamentali della vita di ognuno. Mobilità come fondamento su cui costruire l’accesso ai servizi, in particolare il diritto alla cura e alle prestazioni medico-sanitarie, la possibilità di lavorare, di studiare, praticare uno sport e vivere una vita di relazione. Per le persone con malattie neuromuscolari si tratta di mete non sempre facili da raggiungere, messe in discussione dalle barriere architettoniche e da varie difficoltà quotidiane. Una condizione che si è notevolmente inasprita con la pandemia e a seguito del conflitto in Ucraina».

Durante la settimana che ha coinciso quindi con la manifestazione promossa annualmente dalla UILDM, si è raccontato all’opinione pubblica l’impegno dell’Associazione, nel garantire quotidianamente, attraverso le proprie 66 Sezioni locali, servizi che aiutano ad assicurare il diritto alla salute e all’inclusione sociale. Il tutto con l’obiettivo di sostenere il progetto E.RE. – Esistenze Resilienti, basato su tre attività specifiche, corrispondenti ai pilastri stessi dell’azione della UILDM.
Detto della prima di tali attività, che è appunto quella relativa al trasporto attrezzato, la seconda si fonda sul nuovo servizio UILDM Risponde, attivo dal 17 ottobre, con il quale fornire oltre mille ore di consulenza medica e/o sociale-legislativa in tema di malattie neuromuscolari e in generale di disabilità.
La terza attività, infine, ossia un percorso formativo, partirà ufficialmente dal 25 novembre prossimo, proponendo tre incontri in àmbito sociale e legislativo, due webinar di aggiornamento medico sulle malattie neuromuscolari e un corso ECM (Educazione Continua in Medicina) dedicato a volontari, famiglie, caregiver e personale sanitario.
Il primo incontro, curato dal Gruppo Donne UILDM, affronterà il tema della violenza contro le donne con disabilità e come affrontarla.

Da ricordare, in conclusione, che è ancora possibile ordinare online (tramite questo link) o presso le Sezioni UILDM, a fronte di un’offerta minima di 10 euro, il Caffè di UILDM, contenuto in una latta illustrata dall’artista Fabio Magnasciuttti e accompagnato da una confezione di biscotti krumiri, continuando in tal modo a sostenere il progetto E.RE. – Esistenze Resilienti. (S.B.)

Per ogni ulteriore informazione e approfondimento: uildmcomunicazione@uildm.it (Alessandra Piva e Chiara Santato).

Stampa questo articolo