La quinta edizione del premio destinato ai migliori studi sulla sordità

Promosso dalla Fondazione Pio Istituto dei Sordi di Milano, in collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, e destinato agli studiosi delle discipline scientifiche e accademiche che abbiano svolto indagini e prodotto lavori scientifici sul tema della sordità, il “Premio Don Giulio Tarra: ricerche e studi per la sordità” vivrà domani, 4 novembre, nel capoluogo lombardo, la cerimonia conclusiva della propria quinta edizione

Don Giulio Tarra

Don Giulio Tarra, che diresse l’Istituto dei Sordomuti di Milano dal 1855 al 1889 e al quale è intestato l’omonimo premio assegnato dal Pio Istituto dei Sordi

Iniziativa di cui ci siamo già occupati in più occasioni negli anni scorsi, il Premio Don Giulio Tarra: ricerche e studi per la sordità, promosso dalla Fondazione Pio Istituto dei Sordi di Milano, in collaborazione con il Centro di Ricerca sulle Relazioni Interculturali dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, vivrà domani, venerdì 4 novembre (ore 15), la cerimonia conclusiva della propria quinta edizione, presso la stessa Università Cattolica di Milano.

Destinatari del riconoscimento, va ricordato, che ha cadenza biennale, sono, per la selezione Ricerche e Studi per la sordità, gli studiosi delle discipline scientifiche e accademiche (pedagogiche, mediche, linguistiche, psicologiche, sociologiche, storiche, ingegneristiche, informatiche ecc.) che abbiano svolto indagini e prodotto lavori scientifici sul tema della sordità.
Domani, dunque, dopo la selezione curata da una Commissione di esperti e di Benemeriti del Pio Istituto dei Sordi, presieduta da Anna Cardinaletti, docente dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, verranno comunicati i vincitori di questa edizione dell’iniziativa.

Per l’occasione, inoltre, insieme alla consegna di borse di studio a studenti con disabilità uditiva delle Università italiane, verrà conferito il Premio Don Giulio Tarra alla Carriera ad Alessandro Martini, uno dei maggiori esperti in Italia sulla genetica della sordità e a Roberto Sani, ordinario di Storia dell’Educazione all’Università di Macerata, nonché un Premio alla Memoria in ricordo di Roberto Wirth, imprenditore e filantropo che si distinse nel settore dell’ospitalità e per il suo impegno sociale. (S.B.) 

A questo link è disponibile un testo di approfondimento sul quinto Premio Don Giulio Tarra. Per ulteriori informazioni: info@pioistitutodeisordi.org.

Stampa questo articolo