Vedere oltre: educare all’arte, alle tecniche e alle espressioni creative

Si chiama “Vedere oltre: educare all’arte, alle tecniche e alle espressioni creative” ed è una proposta formativa che alternerà lezioni frontali ad esperienze laboratoriali, da gennaio a marzo del prossimo anno (iscrizioni aperte fino al 15 dicembre), proveniente dall’IRIFOR di Roma, in collaborazione con l’Associazione capitolina Museum e con l’UICI di Roma. Destinatari gli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado, i docenti universitari, gli operatori turistici e i curatori museali

Lucilla D'Antilio

L’artista e insegnante Lucilla D’Antilio, coordinatrice del corso, in collaborazione con l’archietto Maria Poscolieri

Si chiama Vedere oltre: educare all’arte, alle tecniche e alle espressioni creative ed è una proposta formativa proveniente dall’IRIFOR di Roma (l’Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione dell’UICI), in collaborazione con l’Associazione capitolina Museum, da sempre impegnata a garantire l’accessibilità all’arte quale diritto di ogni cittadino. e con l’UICI di Roma (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti).
Il corso si rivolge nello specifico agli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado, ai docenti universitari, agli operatori turistici e ai curatori museali e a partire dal 16 gennaio del prossimo anno, fino al 13 marzo, alternerà lezioni frontali ad esperienze di laboratorio, per un totale di dieci incontri settimanali, presso la sede dell’UICI di Roma, seguiti, in conclusione, da una visita didattica guidata presso un museo di Roma.
A coordinare i lavori sarà Lucilla D’Antilio, in collaborazione con Maria Poscolieri e le relatrici saranno Loretta Secchi dell’Università di Bologna, responsabile del Museo Tattile Anteros dell’Istituto dei Ciechi Francesco Cavazza di Bologna, e Laura Anfuso, esperta di letteratura per l’infanzia e di libri tattili, della quale anche «Superando.it» ha segnalato in diverse occasioni le iniziative. (S.B.)

Tutti gli approfondimenti sul corso di cui si parla nella presente nota (iscrizioni aperte fino al 15 dicembre), insieme al programma completo sono disponibili a questo link. Per ulteriori informazioni: assmuseum@gmail.com.

Stampa questo articolo