La Convenzione ONU, la Costituzione materiale e il nostro vivere quotidiano

«Dal 3 marzo del 2009 – scrive Salvatore Cimmino – ovvero da quando la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità è diventata Legge dello Stato Italiano, attendiamo che quanto contenuto nella Convenzione stessa venga (finalmente) recepito sempre più concretamente dal nostro Paese ed entri a far parte della nostra Costituzione materiale e del nostro vivere quotidiano. Nessuna Legge o Convenzione, infatti, può sostituire la responsabilità dei singoli e ciascuno di noi, su questo tema, è chiamato a una responsabilità grande»

Elaborazione grafica dedicata ai concetti di "inclusione", "integrazione", "segregazione" ed "esclusione"

Un’elaborazione grafica sotto forma di figurina, che spiega i concetti di “inclusione”, “integrazione”, “segregazione” ed “esclusione”

Il concetto di Società inclusiva per tutti, grazie ai traguardi raggiunti dalla ricerca scientifica, si sta diffondendo sempre di più nelle persone. Oggi la più grande sfida è quella di promuovere il benessere di tutti a tutte le età e garantire una Politica universale, plurale, accessibile, capace di valorizzare le differenze e i punti di forza di ogni singola persona, secondo i princìpi della Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti delle Persone con Disabilità.

La persona al centro, lo sviluppo integrale di ciascuna persona: è questa la nostra pietra angolare per riconoscere e promuovere il valore infinito della persona per il solo fatto che esista, così come è.
Per questo mi preme innanzitutto richiamare l’articolo 10 dell’appena citata  Convenzione ONU, che afferma il diritto alla vita delle persone con disabilità: «Gli Stati Parti riaffermano che il diritto alla vita è connaturato alla persona umana ed adottano tutte le misure necessarie a garantire l’effettivo godimento di tale diritto da parte delle persone con disabilità. Tale diritto deve essere difeso in ogni istante della vita, dal concepimento alla morte naturale, proprio perché la disabilità è un’esperienza umana in molti casi ancora misteriosa, che siamo chiamati a rispettare e a conoscere».

Il concetto di disabilità non indica più un assoluto della persona come in passato, ma riguarda il rapporto tra la persona e il suo ambiente di riferimento. In tal senso, negli ultimi anni, soprattutto con l’avvento della bioingegneria della riabilitazione, sono state abbattute numerose barriere limitando la disabilità, a prescindere dalla gravità di essa.
Educazione, mobilità e lavoro sono àmbiti particolari cui la Convenzione fa riferimento, invitando a un impegno preciso sia le varie Istituzioni che la Società Civile. Come per ogni persona, il percorso di istruzione, mobilità, formazione e l’esperienza lavorativa rappresentano infatti momenti essenziali anche per la vita di una persona con disabilità. È necessario pertanto sviluppare percorsi, servizi e tecnologie nuove che permettano di rispondere adeguatamente a tali necessità.

Dal 3 marzo del 2009 (Legge 18/09, con la quale il nostro Paese ha ratificato la Convenzione ONU) attendiamo che quanto contenuto nella Convenzione stessa venga (finalmente) recepito sempre più concretamente dall’Italia ed entri a far parte della nostra Costituzione materiale e del nostro vivere quotidiano. Nessuna Legge o Convenzione, infatti, può sostituire la responsabilità dei singoli e ciascuno di noi, su questo tema, è chiamato a una responsabilità grande.

Stampa questo articolo