Contro le forme gravi di sclerosi multipla

Uno dei tre progetti cui sono dedicate le iniziative di queste settimane dell'AISM riguarda le possibili applicazioni sulle persone con sclerosi multipla del robot Amadeo, apparecchiatura utilizzata per la riabilitazione della mano

Ad esse sono dedicate le iniziative di sensibilizzazione e raccolta fondi promosse in queste settimane dall’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) e in particolare a tre specifici progetti di ricerca, tutti mirati appunto a queste forme gravemente progressive della malattia, con l’obiettivo di studiarne sempre meglio le cause, di trovare possibili trattamenti e anche di migliorare la qualità della vita di chi ne è affetto

Solo con la rete si possono far rispettare i diritti

Solo con la rete si possono far rispettare i diritti

«L’unica strada per ottenere il rispetto dei diritti è quella di fare rete tra le Associazioni, i Comuni e gli operatori»: lo ha dichiarato Daniele Romano, portavoce delle Associazioni di persone con disabilità, dopo l’incontro con i rappresentanti istituzionali del Casertano, voluto per tentare di risolvere la drammatica situazione, causata in primo luogo dalle mancanze della Regione Campania, che ha portato alla sospensione dei servizi rivolti alle persone con disabilità del territorio

Le firme dell’ANMIL contro il nuovo ISEE

Le firme dell’ANMIL contro il nuovo ISEE

Sono quelle che vengono raccolte negli “Open Day ANMIL” di queste settimane (i prossimi il 7 e il 14 marzo), contro il nuovo regolamento dell’ISEE, strumento essenziale per l’accesso a molte prestazioni agevolate fondamentali per l’inclusione delle persone con disabilità. In particolare, l’iniziativa è finalizzata a una petizione da presentare al Parlamento, volta a escludere la rendita INAIL dal computo dell’ISEE, ciò che secondo l’ANMIL penalizza proprio gli invalidi più gravi

Sci Paralimpico: il Friuli Venezia Giulia ha le carte in regola

Il sedicenne trentino Giacomo Bertagnolli (qui in azione con la sua guida Achille Crispino), si è aggiudicato lo salolm gigante di Sella Nevea (categoria "Ipovedenti e non vedenti") ed è una delle grandi promesse dello sci paralimpico azzurro

«Spero che si faccia tutto il possibile per garantire i Mondiali di Sci Paralimpico del 2017 alla nostra Regione, perché abbiamo le carte in regola e non dobbiamo lasciarci sfuggire questa opportunità»: parola di Paolo Tavian, tecnico di atleti con disabilità da più di venticinque anni e presidente di SportxAll – Hans Erlacher Team, l’Associazione che nel febbraio scorso ha organizzato con successo le gare di Coppa Europa a Sella Nevea, “perla” delle Alpi Giulie in provincia di Udine

Amalia mi ha fatto crescere

Silvia Zoffoli in una scena di "Amalia e basta"

Non dev’essere tanto semplice interpretare una persona sorda, ma pare che in “Amalia e basta” – pluripremiato spettacolo teatrale, prodotto dall’Associazione Falesia Attiva – a Silvia Zoffoli, che lo ha anche scritto e lo dirige, riesca particolarmente bene. Per questo invitiamo i Lettori ad andarla a vedere – ad esempio il 5 e il 6 marzo a Milano – e nel frattempo a leggere anche la bella intervista che ci ha rilasciato

Marche: non parole, ma fatti dimostrabili

Una manifestazione di protesta di associazioni di persone con disabilità ad Ancona, davanti al Consiglio Regionale delle Marche

«Dimostrino gli Assessori che quanto affermato in quell’Interrogazione Parlamentare è falso»: rispondono così, la Campagna “Trasparenza e diritti” e il CAT Marche (Comitato Associazioni Tutela), alle dichiarazioni degli Assessori Regionali alla Salute e ai Servizi Sociali, dopo che un’Interrogazione Parlamentare aveva chiesto di verificare la correttezza delle decisioni assunte dalla Regione Marche sull’assistenza domiciliare e sui Centri Diurni per persone con grave disabilità

Vita Indipendente: usare bene quei pochi fondi

Vita Indipendente: usare bene quei pochi fondi

«Il Ministero – scrive Ida Sala del Comitato Lombardo per la Vita Indipendente – vorrebbe arrivare ad elaborare un modello di vita indipendente delle persone con disabilità valido su tutto il territorio nazionale, con un vero e proprio “cambio di paradigma”. Ma a parte l’esiguità dei finanziamenti, si arriverà davvero a quello che i Movimenti per la Vita Indipendente chiedono per uscire dai soliti circuiti assistenziali e ottenere finalmente uguali diritti di scelta e di autodeterminazione?»

Noi, donne con disabilità di Gaza

Donne palestinesi con disabilità impegnate nel Progetto "INCLUDE" (immagine tratta dalla rivista «Voice of Women»)

Dall’antica Università di Bologna ai Ministeri di Roma, dall’incontro con organizzazioni impegnate per i diritti delle persone con disabilità, tra cui la FISH, fino all’udienza pubblica con Papa Francesco: sono giorni intensi, per le donne palestinesi con disabilità giunte in Italia dalla Striscia di Gaza, a coronamento del Progetto “INCLUDE – Empowerment socio economico delle donne con disabilità nella Striscia di Gaza”, promosso da EducAid e dalla RIDS (Rete Italiana Disabilità e Sviluppo)

Un digiuno per far chiudere gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari

Un digiuno per far chiudere gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari

E soprattutto per far sì che ciò avvenga «senza proroghe e senza trucchi», entro il 31 marzo, come previsto dalla Legge approvata lo scorso anno, senza cioè far crescere nuovi “mini-OPG regionali”. È questo il senso dell’appello, del digiuno “a staffetta” e delle altre iniziative promosse dal Comitato Stop OPG, organismo voluto da numerose organizzazioni del Terzo Settore, oltreché sindacali, che da anni conduce una dura battaglia per la chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari

Niente legami tra vaccini e autismo

Niente legami tra vaccini e autismo

Così ha sentenziato la Corte d’Appello di Bologna, rovesciando quanto deciso in precedenza dal Tribunale di Rimini, e negando, quindi, il nesso causale fra vaccino trivalente (rosolia-morbillo-parotite) e autismo. Vediamo anzi perché quella vaccinazione dev’essere fatta, come indicato dalle autorità sanitarie internazionali, in quanto è molto efficace contro quelle tre infezioni virali – più pericolose di quanto si pensi – e i danni che essa provoca sono molto più rari della non-vaccinazione

Venticinque anni di musica e mille concerti

Il tutto pubblicando 7 album e percorrendo circa 50.000 chilometri all’anno, tra scuole, teatri e piazze italiane, senza dimenticare l’enorme opera di informazione e sensibilizzazione: sono cifre strabilianti, quelle esibite dai Ladri di Carrozzelle, gruppo musicale che alle sue origini era composto da nove persone su dieci affette da una grave forma di distrofia muscolare. Ne racconta il percorso Marco Piazza, protagonista egli stesso nella “preistoria” del gruppo

La “guerra di trincea” del Nomenclatore

«Quella del Nomenclatore Tariffario – scrive Antonio Giuseppe Malafarina – è una “guerra di trincea” che si protrae per sfinimento, con l’obiettivo di ampliare la gamma dei prodotti classificati, per consentire a tutti di accedere alla miglior disponibilità di presìdi e ausili che il mercato propone, eliminando quelli superati dal tempo. Recentemente, il ministro della Salute Lorenzin ha illustrato l’imminente varo del nuovo Nomenclatore, con molte novità: ma sarà davvero la volta buona?»

Si chiamerà “Franco Bomprezzi”, quella Sala dei Diritti

Non possiamo che elogiare la decisione del Comune di Milano di intitolare al nostro direttore responsabile, scomparso nel dicembre dello scorso anno, la sala conferenze della Casa dei Diritti, ciò che è avvenuto nell’àmbito del “4° Forum delle Politiche Sociali”, aperto anch’esso da un ricordo di Bomprezzi. E altri interessanti incontri sono previsti sempre all’interno di quella manifestazione, come l’incontro del 4 marzo dedicato ai diritti delle persone con disabilità

L’impegno dell’ANFFAS nel campo delle Malattie Rare

«Intendiamo schierarci ancora una volta in maniera forte dalla parte delle persone con Malattie Rare e delle loro famiglie, anche con numerose nuove attività, con l’auspicio di poter dare un contributo significativo, sia dal punto di vista medico-sanitario che sociale, al miglioramento delle condizioni di salute e di qualità di vita di tutte queste persone». Lo ha sottolineato l’ANFFAS, in occasione dell’VIII Giornata Mondiale delle Malattie Rare del 28 febbraio