Abilitazione informatica di ragazzi con deficit visivo e autismo

Abilitazione informatica di un ragazzo con disabilità visiva e autismo

In letteratura si chiama ASVI (“Autism Spectrum and Visual Impairment”), l’associazione tra disabilità visiva e disturbi dello spettro autistico ed è proprio a ragazzi non vedenti dalla nascita, con disturbi dello spettro autistico ad alto funzionamento, che si è rivolta un’esperienza “pionieristica” di abilitazione informatica, quasi certamente l’unica del genere in Italia, curata dalla psicologa e psicoterapeuta Maria Luisa Gargiulo e dall’operatore tifloinformatico Maurizio Gabelli

A piccoli passi verso altre positive esperienze

Foto di gruppo per i partecipanti al Progetto "A piccoli passi"

Positive le cifre, così come le testimonianze dei protagonisti, delle famiglie e delle aziende, per un’iniziativa che può segnare l’avvio di un vero processo di cambiamento culturale, costituendo anche un esempio di buona prassi da esportare altrove: è questo il bilancio del Progetto “A piccoli passi: percorsi innovativi di inclusione socio-lavorativa ed empowerment per persone con disabilità”, che ha visto in prima fila l’impegno dell’ANFFAS di Patti (Messina)

La vera discriminazione sta nell’inaccessibilità

Lo Studio di un medico di famiglia

Non si può che rispondere così all’Ordine dei Medici di Torino, secondo il quale non sarebbe possibile effettuare un censimento sull’accessibilità degli studi dei medici di famiglia, per non creare «discriminazioni» tra i medici stessi. E come non condividere quanto sottolineato dalla CPD di Torino (Consulta per le Persone in Difficoltà). ovvero che «la mancanza di risposta al nostro questionario è un’ulteriore discriminazione nei confronti dei cittadini con disabilità»?

Sclerosi multipla: solo così la riabilitazione sarà appropriata

La neurologa Alessandra Solari, componente del Coinsiglio Direttivo del network europeo RIMS (Rehabilitation in Multiple Sclerosis)

«Un punto di svolta che ci aspettiamo riguarda le misure riabilitative valutate direttamente dal paziente, che devono essere considerate a tutti gli effetti “misure di esito”, con la stessa dignità delle misure di risonanza o di altre misure basate sulla valutazione da parte del clinico»: lo sottolinea Alessandra Solari, componente del Consiglio Direttivo del RIMS (Rehabilitation in Multiple Sclerosis), il network europeo che ha recentemente vissuto a Milano il proprio ventesimo congresso

“A ruota libera” arriva a Milano

Una persona con disabilità nella metropolitana di Milano

Non è infatti un caso che, a pochi giorni dall’avvio dell’“Expo 2015”, sia stata presentata nel capoluogo lombardo la nuova guida all’accessibilità prodotta appunto nell’àmbito del Progetto “A ruota libera”, iniziativa voluta dalla Fondazione Cesare Serono, che si avvale di un partner affidabile come Village for all (V4A®), la nota rete che conferisce il marchio di qualità internazionale dell’ospitalità accessibile, e di uno strumento tecnologico innovativo e di qualità come “V4AInside”

E finalmente quell’ascensore tornerà a funzionare

Uno degli ingressi della Stazione Centrale di Milano

È certamente una buona notizia, tanto più in questi giorni, che precedono l’avvio di un evento importante come l’“Expo 2015”, che si stia intervenendo per riparare l’ascensore della Stazione Centrale di Milano, con la cui inaugurazione, avvenuta alla fine del 2014, era stato risolto un problema decennale per le persone con disabilità (e non solo). Ed è altrettanto positivo che si lavori per evitare che alcune criticità strutturali ne pregiudichino ulteriormente l’esercizio in futuro

Lombardia: non si tagli il Fondo Sociale Regionale

Un'immagine del Consiglio Regionale della Lombardia, al quale si rivolge il Forum Regionale del Terzo Settore, chiedendo di non tagliare la dotazione del Fondo Sociale Regionale

Sono risorse apparentemente modeste, per il Bilancio di una Regione come la Lombardia, ma sono fondi che diventano servizi decisivi per la qualità della vita di molte persone: così il Forum del Terzo Settore Lombardia denuncia il prospettato taglio di 18 milioni di euro al Fondo Sociale Regionale, chiedendo ai rappresentanti istituzionali e politici di ripristinare per lo meno le stesse risorse del 2014 e di stabilizzare quel Fondo con una dotazione di 100 milioni di euro ogni anno

Non lasciamo che il lavoro diventi un incubo

Sono svariate migliaia, ogni anno nel nostro Paese, le persone che diventano disabili a causa di un infortunio sul lavoro

È questo lo slogan conclusivo dello spot in onda sulle reti RAI, sul quale si basa la campagna di sensibilizzazione lanciata dall’ANMIL (Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro), in vista del 28 Aprile, Giornata Mondiale per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro. È un fenomeno sempre di enorme entità, quello degli infortuni sul lavoro, con le vittime e le situazioni di disabilità da esso provocate, che richiederebbe un’attenzione ben superiore a quella attuale

Il modo giusto per entrare nelle Università

La Facoltà di Sociologia dell'Università Milano Bicocca

È quello che caratterizza l’accordo di collaborazione scientifica e didattica siglato tra il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università Milano-Bicocca e la Federazione LEDHA (Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità), per promuovere percorsi formativi, ricerche e tesi di laurea sulla disabilità, favorendo in parallelo l’aggiornamento professionale e culturale degli operatori della LEDHA stessa. Una collaborazione che va – finalmente – nella direzione di “lasciarsi interrogare dalla disabilità”

Se questo è un ospedale…

Un tratto della pavimentazione danneggiata e rischiosa che accoglie i pazienti all'ingresso dell'Ospedale San Giovanni Bosco di Napoli (foto di Tribunale per i Diritti del Malato di Cittadinanzattiva)

Un intervento richiesto alle Autorità Sanitarie e di Sicurezza, per la situazione in cui versa l’Ospedale San Giovanni Bosco di Napoli: è questo uno dei primi frutti della campagna itinerante lanciata dal Tribunale per i Diritti del Malato di Cittadinanzattiva, per tutelare e rilanciare il Servizio Sanitario Pubblico. E non vogliamo nemmeno pensare come, in situazioni del genere, si potrebbe far rispettare un documento come la Carta dei Diritti delle Persone con Disabilità in Ospedale…

Anche due videospot per far conoscere ExpoFacile

Promosso dal Comune di Milano e dalla Regione Lombardia, e realizzato dalle Federazioni lombarde delle persone con disabilità, il portale «ExpoFacile.it» – progetto anche “social” e per il quale sono stati realizzati due videospot – offre informazioni e suggerimenti ai turisti con disabilità e con bisogni specifici che in tanti visiteranno la città per l’imminente “Expo 2015”, ma è anche un patrimonio che resterà a disposizione dei cittadini pure dopo il grande evento

L’assistenza domiciliare è questione di dignità umana

Dopo avere lanciato un’azione collettiva contro l’inaccessibilità del trasporto pubblico a Roma, l’Associazione di Solidarietà Sociale Avvocato del Cittadino rivolge ora la propria attenzione anche alla questione dell’assistenza domiciliare, dichiarando di voler sostenere tutte le persone con disabilità cui venga negato tale fondamentale servizio, senza il quale, come sottolinea la responsabile Emanuela Astolfi, «viene minata la stessa dignità umana delle persone»

La mia Salute è un bene di tutti, il Servizio Sanitario anche

Avviata da Campobasso e arrivata successivamente a Napoli, ha preso il via da pochi giorni la campagna itinerante “Sono malato anch’io – La mia salute è un bene di tutti”, con la quale il Tribunale per i Diritti del Malato di Cittadinanzattiva, in occasione del trentacinquennale dalla sua fondazione, attraverserà tutta l’Italia, fino al mese di ottobre, per tutelare e rilanciare un Servizio Sanitario Nazionale pubblico, universale, equo, accessibile e di qualità

Fontana nuovo presidente della LEDHA

Già per molti anni presidente nazionale della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), Alberto Fontana succede a Maria Villa Allegri alla Presidenza della LEDHA – la Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità che costituisce la componente lombarda della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) – andando a ricoprire quella carica che fino alla sua scomparsa, pochi mesi fa, era stata ricoperta dal nostro direttore responsabile Franco Bomprezzi