Otto video per il diritto di decidere

Realizzazione grafica curata dalle Nazioni Unite sull'articolo 12 della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità ("Uguale riconoscimento dinanzia alla Legge")

Sono online e disponibili a tutte le persone con disabilità, le famiglie, gli operatori dei servizi, gli operatori dei sistemi di giustizia e del sociale, otto video-tutorial realizzati dall’ANFFAS nell’àmbito di “Capacity: la legge è eguale per tutti”, progetto che punta a sperimentare modelli innovativi di sostegno al processo decisionale per le persone con disabilità, in particolare per quelle con disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo, in attuazione dell’articolo 12 della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità (“Uguale riconoscimento dinanzi alla Legge”)

Inclusione lavorativa: coinvolgere le aziende senza pregiudizi e rigidità

Una persona con disabilità visiva sul luogo di lavoro

«È ancora lontana – scrive Marino Bottà – una diffusa cultura inclusiva da parte del mondo del lavoro. Ma questo non è imputabile solo alle aziende. Bisogna infatti che i servizi per il Collocamento Disabili comprendano che l’informazione, la formazione e il coinvolgimento sono prioritari rispetto agli obblighi di legge. Bisogna che chi opera a favore dell’inclusione lavorativa delle persone con disabilità eviti di rivolgersi alle aziende con le loro stesse rigidità e pregiudizi e contrapposizioni. Ci sono in effetti molte aziende disponibili, forse più di quello che comunemente si pensa»

I successi di Pietro Monti, enologo cieco

Pietro Monti nella sua azienda vinicola

Il 23 settembre a Torino, l’enologo Pietro Monti – che perse la vista sette anni fa, dopo un incidente stradale, e che recuperò l’olfatto solo dopo una lunga riabilitazione – riceverà un doppio premio, nell’àmbito del concorso internazionale “Mondial des Vins Extremes”: la medaglia d’argento per il suo vino Langhe Nebbiolo DOC del 2016 e il “CERVIM Futuro 2018”, riconoscimento riservato al viticoltore di età inferiore ai 35 anni che con il suo vino abbia ottenuto il miglior punteggio

Anche nelle Filippine sono stati “i più vulnerabili tra i vulnerabili”

Due bimbi in una delle città delle Filippine colpite nei giorni scorsi dalla furia del tifone (©CBM Italia)

Anche il tifone che ha duramente colpito nei giorni scorsi l’Estremo Oriente, a partire dalle Filippine, ha visto le persone con disabilità caratterizzarsi come le “più vulnerabili tra le vulnerabili”, ciò che sempre accade in caso di calamità naturali o causate dall’uomo. Lo sottolinea anche l’organizzazione CBM Italia, impegnata in quel Paese già da alcuni anni, con progetti rivolti alle persone con disabilità, e che attualmente è al lavoro per portare al sicuro i bambini e gli adulti ciechi e con disabilità, tentando di garantir loro riparo, acqua, cibo e assistenza medica

Le donne e la sindrome X Fragile: fare amicizia con un ospite inatteso

Giugno 2018: Alessia Brunetti (a destra), presidente dell'Associazione Italiana Sindrome X Fragile, riceve dalla docente dell'Università di Macerata Elisabetta Michetti il Premio Nazionale Inclusione 3.0, per il Progetto "Grammatica X Fragile", significativa esperienza nazionale di mutuo aiuto genitoriale, promossa dall'Associazione stessa

Condizione genetica ereditaria, che in modo assai variabile da persona a persona, può comportare problemi di disabilità cognitiva e/o comportamentale e/o fisica, la sindrome X Fragile comporta anche significative differenze tra gli uomini e le donne che ne sono interessati, ciò che ha indotto l’Associazione Italiana Sindrome X Fragile a riflettere specificamente sul tema del genere legato alla disabilità. Ne parliamo con Alessia Brunetti, presidente dell’Associazione, che fa riferimento alla sindrome come ad «un ospite inatteso e sgradito, con il quale, però, si può anche fare amicizia»

Scuola: purtroppo è sempre emergenza disabilità

Andrew Wyeth, "Up in the Studio", 1965

Insegnanti di sostegno destinati a cambiare continuamente e che quando restano spesso non sono formati, ritardi sul trasporto scolastico e sull’assistenza all’autonomia e alla comunicazione, tante scuole ancora piene di barriere: sa purtroppo di “consueto” quanto denunciato dalla Federazione FISH e dall’Associazione ANFFAS, che chiedono a una voce l’urgente convocazione dell’Osservatorio per l’Inclusione Scolastica, presso il Ministero, per porre rimedio a tali situazioni, invitando poi le famiglie a segnalare ogni caso di lacuna, ritardo o violazione, ai fini di un’azione diffusa e condivisa

Un nuovo welfare basato sulla Convenzione ONU

Un nuovo welfare basato sulla Convenzione ONU

«L’approccio alla disabilità basato sul rispetto dei diritti umani e introdotto dalla Convenzione ONU ha trasformato le persone con disabilità da “vulnerabili” a “vulnerate”. Questo richiede una radicale modifica degli obiettivi e dei sistemi di welfare. Analizzando il cambiamento delle politiche nella Regione Campania, questo incontro vuole aprire e stimolare il dibattito, per realizzare una concreta applicazione della Convenzione in Italia»: viene presentato così il convegno promosso da DPI Italia per il 22 settembre a Succivo (Caserta), nell’àmbito del progetto campano “La mia Terra Vale”

Così non si fa altro che rafforzare l’istituzionalizzazione dei servizi!

Così non si fa altro che rafforzare l’istituzionalizzazione dei servizi!

«Avevamo chiesto servizi centrati sulle persone e sulle loro esigenze, luoghi di vita, condizione fondamentale per essere anche luoghi “di cura”. Servizi che promuovessero inclusione e quindi deistituzionalizzazione. Al contrario, quello che sta proponendo la Giunta Regionale è quanto di più lontano da tutto ciò, mantenendo e rafforzando modelli di istituzionalizzazione»: così il Gruppo Solidarietà esprime il proprio dissenso riguardo alle proposte che si vanno definendo, da parte della Giunta Regionale delle Marche, sui nuovi requisiti di funzionamento dei servizi diurni e residenziali

Accessibilità dei siti e delle applicazioni mobili: le Linee Guida in italiano

Una donna con disabilità visiva che usa uno smartphone

È stata pubblicata nei giorni scorsi la traduzione italiana delle Linee guida per l’accessibilità dei contenuti Web 2.1, che hanno sostituito la precedente versione “WCAG 2.0”, inserendo specifiche tecniche per l’accessibilità dei siti e delle applicazioni mobili. Si tratta di regole tecniche utili agli sviluppatori di software, in cui si esplicitano modalità e criteri utili a progettare e realizzare siti web e applicazioni mobili, per far sì che siano accessibili e usabili da tutti senza discriminazioni, anche da coloro che utilizzano tecnologie assistive o configurazioni particolari

Disabilità ed emancipazione

8 marzo 2018: foto di gruppo per la delegazione italiana in Palestina, protagonista del progetto di EducAid e DPI Italia "We Work" (insieme alle donne palestinesi, e con Rita Barbuto, che è nella prima fila al centro, vi sono Francesca Annetti, Gioia Benedetti e Michela Fabbri di EducAid e Maria Antonietta Cimmino della UILDM di Caserta-Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare)

Sarà questo il titolo dell’incontro cui parteciperanno Giampiero Griffo e Rita Barbuto, che aprirà domani, 18 settembre, a Rimini, una giornata tutta dedicata ai diritti delle persone con disabilità, all’insegna dell’ormai celebre motto internazionale del movimento per i diritti delle persone con disabilità, “Nulla su di Noi, senza di Noi”, tra incontri, riflessioni e altre performance, a cura dell’organizzazione non governativa EducAid, in collaborazione con il Comune della città romagnola

La nutrizione nel bambino con neurodisabilità

La nutrizione nel bambino con neurodisabilità

«La nutrizione è un tema importante, vitale per tutti. Per i bambini con disabilità e con paralisi cerebrale infantile lo è ancora di più»: partendo da questo assunto di base, la Fondazione Ariel ha promosso un del corso di formazione online intitolato appunto “La nutrizione nel bambino con neuro disabilità”, dedicato ai genitori di bambini con paralisi cerebrale infantile e disabilità neuromotorie. L’iniziativa si articolerà su sei video, che verranno caricati settimanalmente nel sito e nel canale YouTube della Fondazione, a partire da domani, 18 settembre

L’incontro delle Federazioni con il Presidente del Consiglio

Programma di Azione Biennale sulla Disabilità, inclusione lavorativa, Fondi per il “Dopo di Noi”, per la Non Autosufficienza e per le Politiche Sociali, applicazione ancora disattesa dei LEA Sanitari (Livelli Essenziali di Assistenza), inclusione scolastica e altro ancora: è stato un incontro molto denso di elementi, quello delle Federazioni FISH e FAND con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, alla presenza anche del sottosegretario al Ministero per la Famiglia e le Disabilità Vincenzo Zoccano, per fare il punto sui temi più urgenti riguardanti le politiche per la disabilità

Se un Patrimonio Unesco non è accessibile, le cose si possono cambiare

Cosa insegna la giornata all’insegna dell’inaccessibilità vissuta dalla Presidente dell’Associazione Blindsight Project a Villa d’Este di Tivoli (Roma), Patrimonio Unesco dell’Umanità, e le pronte risposte alle sue segnalazioni da parte del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Direttore della struttura? Che se si vuole provare a incidere si può, e tanto più se a farlo, con lucida concretezza, è un’Associazione impegnata da tempo sui diritti delle persone con disabilità. Che poi le azioni promesse diventino realtà, sarà naturalmente il tema di una nuova puntata…

Stiamo dimostrando che insieme alla ricerca possiamo fare la differenza

«L’obiettivo della nostra nuova campagna è quello di poter accogliere nuovi malati e proseguire con i programmi di cure, un progetto importante non solo per i bambini con SMA, ma per tutto il Paese, perché abbiamo dimostrato che la ricerca può trasformarsi in progresso scientifico e che, insieme, possiamo fare la differenza»: lo ha dichiarato Daniela Lauro, presidente dell’Associazione Famiglie SMA (atrofia muscolare spinale), al termine di un congresso segnato dalla comunicazione di progressi scientifici molto importanti, per l’avvenire delle persone con questa grave malattia genetica rara

Corsa a staffetta con esoscheletro, nel centro di Grosseto

Per dare visibilità al proprio progetto “Grosseto a tutta autonomia” – che prevede l’acquisto di due esoscheletri “Rewalk”, da mettere a disposizione delle persone paraplegiche con i requisiti fisici per utilizzarli – l’Associazione Tutto Possibile ha organizzato per il 15 settembre la manifestazione “Robotic Rewalk Race”, che nella centralissima Piazza Dante di Grosseto, vedrà dieci persone con paraplegia, dotate del citato esoscheletro robotico, misurarsi in una gara a staffetta, scambiando il testimone con persone “normodotate”