Veneto: rivedere l’applicazione dei nuovi LEA

Veneto: rivedere l’applicazione dei nuovi LEA

«Le disposizioni attuative di quella Deliberazione di Giunta Regionale rischiano di determinare ripercussioni negative sulle persone con disabilità che richiedono prestazioni di ausili»: si apre così una lettera con cui la FISH Veneto (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) chiede un incontro all’Assessore alla Sanità e alla Programmazione Socio Sanitaria della propria Regione, per discutere il provvedimento con il quale la Regione stessa ha recepito il Decreto del Presidente del Consiglio che ha fissato i nuovi LEA Sanitari (Livelli Essenziali di Assistenza)

Stop alla segregazione delle persone con disabilità!

Stop alla segregazione delle persone con disabilità!

«“Liberare” il prima possibile le persone con disabilità che vivono in situazioni inumane e degradanti; individuare con certezza le strutture da ritenere segreganti e quindi da chiudere o convertire; delineare nuovi modelli inclusivi di servizi e sostegni per l’abitare»: sono queste le tre impegnative linee d’azione fissate dalla recente Conferenza di Consenso di Roma, promossa dalla FISH, primo appuntamento che abbia visto nel nostro Paese il movimento delle persone con disabilità lanciare un’effettiva sfida politica, culturale, scientifica e organizzativa sul tema della segregazione

Altalene e carrozzine: spendere poco e fare bella figura?

Un'altalena per bimbi in carrozzina

Pare siano ben 279 le altalene per bambini in carrozzina installate nelle città italiane negli ultimi anni: ma sono veramente sicure e in linea con le norme europee? E quanto possono dirsi inclusive, essendo utilizzabili solo da bimbi in carrozzina, ciò che non facilita affatto l’interazione con gli altri bambini? Non saranno forse un modo per spendere poco e fare bella figura?

Già otto medaglie in due giorni per i trapiantati italiani

La Nazionale Italiana che partecipa in questi giorni in Spagna ai Giochi Mondiali per Trapiantati di Malaga

«Siamo orgogliosi di coordinare i colori italiani, che hanno da sempre ben figurato in questa manifestazione iridata la quale, pur nell’alto livello agonistico visto fino ad oggi, fonda le proprie radici nella volontà di dare segno concreto del grande successo della donazione di organi e tessuti, gesto che trova una tangibile testimonianza in tutti campi di gara»: così Giuseppe Vanacore, presidente dell’ANED (Associazione Nazionale Emodializzati Dialisi e Trapianto), commenta l’avvio dei Giochi Mondiali per Trapiantati di Malaga, in Spagna, che hanno già visto eccellere gli atleti azzurri

Se è un diritto, non chiedere per favore!

Roberto Frullini è tra l'altro presidente della Fondazione Dr. Dante Paladini di Ancone e di Federsolidarietà della Regione Marche

Associazionismo, cooperazione, politica e anche la presidenza di una Fondazione impegnata sulle malattie neuromuscolari: è una vita di grande impegno, quella di Roberto Frullini, persona con grave disabilità motoria, nato e vissuto in Lombardia e trasferitosi successivamente nelle Marche, dove oggi sta vivendo un percorso di Vita Indipendente. E alla domanda su cosa significhi per le persone con disabilità la parola “inclusione”, risponde semplicemente con due frasi: «Non dover chiedere per favore, se è un diritto» e «Niente su di Noi, senza di Noi»

Lavoro: la sfida della disabilità e delle gravi patologie

Lavoro: la sfida della disabilità e delle gravi patologie

Viene presentato in questi giorni, durante il Congresso Nazionale della CISL, un prezioso testo che è il frutto dei lavori di un workshop svoltosi alla fine del 2016, con il quale si intende analizzare come le relazioni industriali e la contrattazione collettiva stiano interrogandosi e accogliendo le esigenze dei lavoratori con disabilità, nei diversi settori e in aziende di diverse dimensioni

Quei libri tattili che hanno aperto le “porte” del carcere

Tra i vari libri premiati ad Assisi, per il quarto Concorso Nazionale di editoria tattile illustrata "Tocca a te!", vi è stato anche uno di quelli prodotti dai detenuti del carcere di Nuoro, che ha ricevuto la Menzione Speciale "Libro del Cuore"

«La grande forza e la splendida “magia” dei libri tattili è quella di favorire attività manuali e di laboratorio in ciascuno di noi, annullando ogni tipo di “barriera” e riuscendo persino a creare un ponte di dialogo e di inclusione tra la realtà esterna e il carcere»: a dirlo è Gianluca Rapisarda, che ha presieduto la giuria del quarto Concorso Nazionale di editoria tattile illustrata “Tocca a te!”, promosso dalla Federazione Nazionale delle Istituzioni Pro Ciechi e che si sofferma sulla Menzione Speciale riconosciuta in tale sede a un’opera prodotta dai detenuti di un carcere della Sardegna

Azioni umanitarie e disabilità: il ruolo di primo piano dell’Italia

Operazione di salvataggio di una persona in carrozzina

Anche a Roma e a Ginevra – durante due iniziative volute per sollecitare l’impegno internazionale a garantire alle persone con disabilità adeguata attenzione in caso di disastri naturali o causati dall’uomo, applicando la “Carta per l’Inclusione delle Persone con Disabilità nelle Azioni Umanitarie” – l’Italia ha svolto un ruolo di primo piano. Il nostro, tra l’altro, è stato il primo Paese europeo ad avere elaborato nel 2015 un “Vademecum su Aiuti Umanitari e Disabilità”, con il contributo della RIDS (Rete Italiana Disabilità e Sviluppo), di cui fanno parte anche le organizzazioni DPI e FISH

Secondo nome: Huntington

Alcune delle persone coinvolte nella mostra di Milano "Secondo nome: Huntington"

Per la prima volta il mondo del design racconterà una patologia neurodegenerativa rara come quella di Huntington, dal grave impatto clinico e sociale, immaginando prodotti pensati per i malati, ma utilizzabili da tutti e ribaltando la prospettiva che solitamente sottende l’approccio dei “prodotti per disabili”: è solo uno degli spunti della mostra “Secondo nome: Huntington”, che verrà inaugurata il 29 giugno alla Triennale dell’Arte di Milano, a cura della Triennale Design Museum, dell’AICH Milano (Associazione Italiana Corea di Huntington) e dalla Rete Italiana della Malattia di Huntington

Percorsi Assistenziali per i Soggetti con Bisogni Speciali

(Foto di Annalisa Benedetti)

È questo il significato dell’acronimo “PASS”, nome del programma presentato nei giorni scorsi dalla Regione Toscana ed elaborato in collaborazione con le organizzazioni delle persone con disabilità e delle loro famiglie, iniziativa che punta a semplificare l’accesso ai servizi sanitari da parte delle stesse persone con disabilità, superando in particolare le cosiddette “barriere invisibili”, legate cioè all’organizzazione dei servizi e alla formazione del personale e muovendosi in modo tale da assicurare una distribuzione adeguata e omogenea su tutto il proprio territorio

Lottiamo per rendere stabile la Vita Indipendente nella nostra Regione

Un'immagine dell'incontro tra i rappresentanti del Comitato Marchigiano per la Vita Indipendente delle Persone con Diabilità e i rappresentanti della Regione Marche

«Stiamo lottando per fare approvare una Legge che renda stabile e duraturo il Progetto Vita Indipendente nella nostra Regione, e chiediamo anche la rapida approvazione in Consiglio Regionale della mozione per l’adesione ai princìpi della Convenzione ONU»: lo dichiarano i rappresentanti del Comitato Marchigiano per la Vita Indipendente delle Persone con Disabilità, che nei giorni scorsi hanno incontrato quelli della Regione Marche, e che in mancanza di provvedimenti concreti, si ritengono costretti «ad azioni più incisive rispetto alle modalità “diplomatiche” con cui abbiamo agito fino ad ora»

Cambio al vertice al CoorDown, nel segno della continuità

«Mi impegnerò per dare continuità al lavoro svolto fino ad oggi, cercando di rappresentare al meglio tutte le Associazioni del territorio e soprattutto lavorando per la tutela dei diritti delle persone con disabilità intellettiva e dei loro familiari»: lo ha dichiarato Antonella Falugiani, nuovo presidente del CoorDown (Coordinamento Nazionale Associazioni delle Persone con Sindrome di Down), subito dopo essere subentrata a Sergio Silvestre, che aveva guidato tale organismo sin dalla nascita di esso, quattordici anni fa

Per una mobilità sostenibile, ma anche accessibile

Una petizione presentata nei giorni scorsi al Consiglio Comunale di Torino, che ha ottenuto centinaia di sottoscrizioni, chiede che venga reso disponibile alle persone con disabilità motoria – tramite l’adattamento di alcuni veicoli – il “car sharing” (“auto condivisa”) del capoluogo piemontese, servizio promosso all’insegna di una mobilità maggiormente sostenibile che, come noto, permette di utilizzare un’automobile su prenotazione, prelevandola e riportandola in un parcheggio e pagando in ragione dell’utilizzo fatto

Incontinenza: uno degli ultimi tabù medici

Centri riabilitativi dedicati, rimborsabilità farmacologica e una maggiore attenzione verso questo grande problema culturale, sociale ed economico: è quanto chiedono le organizzazioni impegnate sul fronte dell’incontinenza, ritenuta «uno degli ultimi tabù medici da sconfiggere», problema che colpisce in Italia ben 5 milioni di persone, anche in giovane età. Il 28 giugno sarà la XII Giornata Nazionale per la Prevenzione e la Cura dell’Incontinenza, con iniziative in tutta Italia e un evento a Roma, per fare il punto della situazione

Grandi gare e non solo, per i centauri con disabilità

A fianco infatti del grande successo ottenuto anche al circuito romano di Vallelunga, con la prima gara del campionato italiano di motociclismo per piloti con disabilità, organizzato dall’Associazione Di.Di. (Diversamente Disabili), quest’ultima continua a promuovere i corsi di guida sulle due ruote – come farà in luglio a Pavia – e sempre a Vallelunga vi sono stati anche due incontri molto emozionanti, con il campione Alex De Angelis e con i bimbi dell’AGOP (Associazione Genitori Oncologia Pediatrica)