Progetto di vita: oggi si vola

Progetto di vita: oggi si vola

«Il testo di questa mia proposta di legge sul progetto di vita delle persone con disabilità o fragili – scrive Paolo Cendon, “padre” della Legge sull’amministrazione di sostegno – è un punto di partenza, che aspira soprattutto a far nascere un dibattito fra esperti e addetti ai lavori. Poi vedremo di presentarlo in Parlamento. Ci sono parecchi dettagli da ritoccare o da integrare, ma già il fatto che un formale progetto di legge esista, potrà spingere le coscienze migliori del Paese a interrogarsi e a ri-orientarsi meglio, su queste difficili materie»

Scuola: la FISH chiede un confronto con il Ministero

Scuola: la FISH chiede un confronto con il Ministero

«Le proposte delle Commissioni Parlamentari migliorerebbero certamente quei testi, ritenuti in origine largamente insoddisfacenti, e tuttavia, oltre alla preoccupazione sull’effettiva adozione dei suggerimenti da parte del Ministero, rimangono irrisolti alcuni elementi tutt’altro che marginali»: così il Consiglio Nazionale della Federazione FISH commenta i pareri espressi dalle preposte Commissioni della Camera sugli Schemi dei Decreti Attuativi della Legge sulla “Buona Scuola” e chiede un confronto urgente con la ministra Fedeli, per ottenere garanzie in particolare su alcuni punti

Per un maggiore supporto alla prevenzione e alla riabilitazione della vista

"Visita dall'ortottista" (©SH - Association SPARADRAP)

C’è la convinzione di potere ulteriormente consolidare nell’opinione pubblica la cultura della riabilitazione e della prevenzione della vista, dietro al “Premio Società Mediterranea di Ortottica-IRIFOR AMGO”, cui potranno partecipare, fino al 31 marzo, tutti gli ortottisti – quei professionisti sanitari impegnati in campo oculistico, con particolare competenza nella prevenzione, nella valutazione e nella riabilitazione visiva e dei disturbi motori della visione – che desiderino appunto investire le proprie competenze nel settore della riabilitazione e della prevenzione della vista

Annullato il presidio di protesta del Comitato 16 Novembre

Laura Flamini, presidente del Comitato 16 Novembre ONLUS (Associazione Malati SLA e Malattie Altamente Invalidanti)

«Riteniamo che l’anticipata convocazione del Tavolo per la Non Autosufficienza al 29 marzo costituisca un preciso segnale al mondo della disabilità e auspichiamo che proprio da quella riunione del Tavolo arrivi un impegno concreto di Stato e Regioni, per il ripristino dei 50 milioni tagliati al Fondo Nazionale per le Non Autosufficienze. Per questo abbiamo deciso di annullare il nostro presidio di protesta del 4 aprile a Roma»: si dichiara soddisfatto, il Comitato 16 Novembre, dopo un incontro avuto con il ministro Poletti e il sottosegretario Biondelli

Le strade di una reale inclusione scolastica

Un'immagine del convegno nazionale organizzato dai Centri Territoriali di Supporto (CTS) romani

«Solo ragionando in un’ottica sistemica, sarà finalmente possibile un vero accompagnamento nel percorso di inclusione di tutti gli istituti, di tutti i docenti e di tutti i ragazzi in qualunque zona del nostro Paese. E in tale percorso, deve diventare fondamentale ed essere reso strutturale il ruolo di organismi come i Centri Territoriali di Supporto (CTS) e i Centri Territoriali per l’Inclusione (CTI)»: è quanto emerso con chiarezza a Roma, durante il convegno nazionale intitolato “Inclusione: conquiste, realizzazioni e prospettive”, promosso dai CTS della Capitale

Quante sono le persone private della libertà?

Quante sono le persone private della libertà?

Presentata ieri al Parlamento, la Relazione Annuale del Garante Nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale dedica ampio spazio anche a quei luoghi dove in genere l’ospitalità non viene percepita come privazione della libertà personale, ovvero una situazione che riguarda sin troppe persone con disabilità. E non mancano gli espliciti riferimenti alla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, nonché alle Osservazioni all’Italia da parte del Comitato delle Nazioni Unite che vigila sull’applicazione della Convenzione stessa

La vittoria di Chiara fa luce sui bisogni di ogni essere umano

Chiara Anghileri, giovane con sindrome di Down, ha vinto la medaglia d'oro nella gara del Super G ai Giochi Mondiali Invernali Special Olympics, in corso di svolgimento in Austria (foto di Simone Castrovillari)

«L’impresa di Chiara va oltre il valore sportivo, facendo luce sui bisogni di ogni individuo e di ogni essere umano: studiare, lavorare e fare sport, avere l’opportunità di far sentire la propria voce e di essere ascoltati»: è con la vittoria di Chiara Anghileri, giovane con sindrome di Down, ai Giochi Mondiali Special Olympics in Austria, che Special Olympics Italia – componente nazionale del movimento di sport praticato da atleti e atlete con disabilità intellettiva – ricorda la Giornata Mondiale delle Persone con Sindrome di Down di oggi, 21 marzo

Liberi di scegliere e di partecipare, per cambiare il mondo

Liberi di scegliere e di partecipare, per cambiare il mondo

«Il tema scelto per la Giornata Mondiale sulla Sindrome di Down di oggi, 21 marzo – viene sottolineato dall’ANFFAS – è un preciso invito a sostenere il diritto delle persone con sindrome di Down ad esprimere la propria volontà, i propri desideri e le proprie idee e ad essere ascoltate e considerate parte attiva della comunità. Un tema, quindi, che combacia perfettamente con il nostro pensiero e con quanto sta accadendo in questi anni, anche grazie alla Piattaforma Italiana degli Autorappresentanti in Movimento “Io Cittadino!”, cui partecipano attivamente molte persone con Sindrome di Down»

Contributi dell’INPS a supporto delle persone con disabilità

Contributi dell’INPS a supporto delle persone con disabilità

È riservato ai lavoratori e ai pensionati del comparto pubblico il progetto dell’INPS denominato “Home Care Premium”, che ha recentemente aperto il proprio bando per il 2017 e che eroga prestazioni dirette e indirette a supporto dell’assistenza domiciliare delle persone con disabilità. A tale opportunità, il Servizio HandyLex.org dedica un ampio approfondimento – di cui suggeriamo senz’altro la consultazione – entrando nel dettaglio dell’iter da seguire, delle condizioni richieste e di tutti i possibili benefìci

Nuovi LEA: siamo solo al punto zero

Nuovi LEA: siamo solo al punto zero

«Ciò che i Malati Rari e tanti altri cittadini attendono non è il perfezionamento di un atto, ma l’applicazione dei contenuti. Attendono cioè di vedersi erogare prestazioni dalle proprie ASL, aspettano impazienti gli ausili necessari a una vita migliore. Rispetto a questi bisogni di salute, la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale è solamente il punto zero, non il punto di arrivo»: così Ilaria Ciancaleoni Bartoli, che dirige l’OMAR (Osservatorio Malattie Rare), commenta la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto riguardante i nuovi LEA Sanitari (Livelli Essenziali di Assistenza)

Tutti sentano la mia voce, tutti ascoltino le mie opinioni

In queste giornate l’EDSA (European Down Syndrome) propone quotidianamente sul proprio sito web la foto di una persona con sindrome di Down originaria di un Paese europeo e la sua breve storia. Oggi, 20 marzo, in rappresentanza dell’Italia, è toccato a Leonardo dell’AIPD di Pisa

È sostanzialmente questo il messaggio della Giornata Mondiale sulla Sindrome di Down che si celebrerà domani, 21 marzo, «un tema – viene sottolineato dall’AIPD (Associazione Italiana Persone Down) – che ci è molto caro, alla luce del nostro impegno per il protagonismo attivo delle persone con sindrome di Down nella società». Rientrano nel medesimo percorso anche la raccolta fondi attuata dalla stessa AIPD, tramite i fiori Nontiscordardimé, e le tante iniziative del 21 marzo, tra cui due convegni a Roma, uno dei quali, organizzato dall’AIPD capitolina, sarà dedicato all’inserimento lavorativo

Un Osservatorio sull’Inclusione e un disability manager in un’azienda farmaceutica

È stato recentemente sottoscritto a Roma, tra la Direzione Aziendale della multinazionale farmaceutica Merck Serono e le rappresentanze sindacali di settore di CISL, CGIL e UIL, un progetto sperimentale volto all’inserimento dei lavoratori con disabilità, tramite uno specifico Osservatorio Aziendale sull’Inclusione Lavorativa e anche con la nomina di un disability manager. Si tratta della prima iniziativa del genere nel settore farmaceutico, che ha l’obiettivo di valorizzare appunto i lavoratori con disabilità o affetti da patologie gravi, sin dalla loro entrata in azienda

Semplicemente bisogni umani

«I bisogni delle persone con sindrome di Down non sono “speciali”, ma umani, come quelli di tutti gli altri»: poche, semplici parole, che in realtà caratterizzano un profondo cambiamento di approccio culturale. Ed è su questo messaggio che si basa la campagna internazionale “Not Special Needs” (“Non bisogni speciali”, appunto), lanciata in questi giorni dal CoorDown (Coordinamento Nazionale Associazioni delle Persone con Sindrome di Down), in vista della Giornata Mondiale sulla Sindrome di Down di oggi, 21 marzo

Una guida semplice e di rapida consultazione

Alla vigilia della Giornata Mondiale sulla Sindrome di Down del 21 marzo e per sottolineare al meglio il tema di tale evento (“La mia voce, la mia comunità”), l’AIPD di Bari (Associazione Italiana Persone Down) presenterà il 20 marzo una guida ad alta comprensibilità (“Smart Tourism Guide”) del capoluogo pugliese, risultato finale di un progetto che si è posto l’obiettivo di offrire ai giovani con sindrome di Down dell’Associazione un’ulteriore opportunità di crescita, riconoscendo loro un ruolo attivo e da protagonisti

Più forza agli autorappresentanti con disabilità intellettiva

Nato nell’àmbito dell’ANFFAS e riconosciuto anche a livello europeo, il Movimento Italiano degli Autorappresentanti “Io Cittadino!” si compone di undici gruppi, operanti sull’intero territorio nazionale, formati da persone con disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo, che anche attraverso il supporto di facilitatori, si battono in prima persona per vedere riconosciuti i propri diritti di cittadinanza. Per renderlo sempre più forte, l’ANFFAS ha lanciato il 17 marzo una campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi, che proseguirà fino al 6 aprile