Risultati della ricerca

Stai visualizzando i risultati della ricerca di "imola de pellegrin"

Sana follia e amicizia tra le montagne del Tibet

Alice Maniezzo insieme all'amica, durante il loro viaggio in Oriente

«Nonostante le difficoltà oggettive di una disabilità – scrive Alice Maniezzo, giovane donna ipovedente, che racconta il suo viaggio in Nepal e Tibet – auguro a tutti di avere un pizzico di sana follia per provare esperienze nuove e superare qualche limite. Auguro, altresì, di trovare e avere meravigliosi amici con i quali condividere belle e stimolanti esperienze che ricorderanno per sempre»

“Casa Condivisa”: un potente strumento al servizio della pratica inclusiva

Due persone coinvolte nel Progetto "Casa Condivisa"

«Un progetto di coabitazione come “Casa Condivisa” – scrivono Alice Imola, Cinzia De Pellegrin ed Elisabetta Bacciaglia – può rappresentare un potente strumento al servizio della pratica inclusiva, da realizzare non come “l’appartamento per disabili in mezzo agli altri”, come una sorta di “vetrina” da cui osservare la disabilità che comunque rimane lontana, “altro da noi”, bensì con la possibilità di modulare contesti in cui vivere e condividere le diversità, nel quotidiano, nella vita di tutti i giorni, ponendo, “Durante Noi”, i tasselli giusti per un “Dopo di Noi” possibile e di qualità»

Un evento che fa “vedere” senza vedere

Un'Immagine di scena della "Morte di Cesare", con la sovrimpressione di una frase pronunciata da uno degli spettatori

Un gruppo di sette “attori” non professionisti ciechi e ipovedenti e gli spettatori vedenti costretti a non utilizzare la vista, tutti a far parte della rappresentazione della “Morte di Cesare”: è stato questo l’interessante e singolare evento organizzato dall’Associazione Museum, nello splendido scenario del Museo dei Fori Imperiali a Roma

“Apertura speciale” all’Istituto Montecatone di Imola

L'ingresso dell'Istituto Montecatone di Imola

Ausili, pet therapy, solidarietà internazionale, giochi per i bambini e tanto sport, con una serie di prestigiosi ospiti: sarà tutto questo e altro ancora il “Montecatone Open Day” del 28 settembre all’Istituto Montecatone di Imola (Bologna), iniziativa voluta anche e soprattutto per consentire alla cittadinanza di assistere alle molteplici espressioni di talento di persone “recuperate” presso la struttura emiliana

Mille chilometri a pedali per battere il silenzio

Una bimba affetta da mutismo selettivo

Sono partiti da Aosta e stanno percorrendo in bicicletta la Via Francigena fino a Roma, mille chilometri sull’antica via di pellegrinaggio. Renato e Alessandro Martin lo fanno per diffondere il progetto “CorreVoce” dell’AIMUSE (Associazione Italiana Mutismo Selettivo), organizzazione che si occupa appunto di mutismo selettivo, ovvero di quella che è una reazione a un forte stato emotivo legato all’ansia sociale che blocca la parola. Disturbo poco conosciuto, esso colpisce però molti bambini e bambine, impedendo loro di parlare con persone che non appartengono alla stretta cerchia familiare

“Le parole dipinte” di Clara e Lavinia in arrivo a Monza

"Guardami meglio" è una delle opere di Clara Woods che saranno in mostra domani, 5 ottobre, a Monza

L’ictus perinatale le ha impedito di parlare, ma non certo di esprimersi attraverso la pittura, che oltre a farle ottenere grandi progressi comunicativi, le sta portando grandi consensi e mostre già organizzate in Italia e all’estero. Ora Clara Woods sarà protagonista domani, 5 ottobre, alla Cooperativa Lambro di Monza, ove verrà riproposto l’evento “Parole Dipinte”, con una mostra delle sue opere a fare da sfondo allo spettacolo teatrale dell’attrice Lavinia Costantino

“C’era una casetta piccolina in Canadà”: era quella di Maud Lewis

Una bella immagine di Maud Lewis

«Maud Lewis – scrive Stefania Delendati – una delle artiste folk canadesi più conosciute, aveva qualcosa di speciale. È stata un esempio del trionfo dello spirito umano sulle avversità, un modello di resilienza, parola che oggi va di moda e che lei, non conoscendola, ha messo in pratica con naturalezza. Una donna intensa, appassionata e particolarissima, delicata nel corpo e dotata di una forza mentale eccezionale. Chi si trova davanti alla ricostruzione della sua minuscola casetta, stenta a credere che una persona con i suoi problemi di salute abbia potuto viverci per oltre trent’anni»

Anche i bimbi con disabilità visiva toccheranno i microbi!

Gianluca Rapisarda, che ha presieduto entrambe le Giurie del quarto Concorso "Tocca a te". Davanti a lui il tavolo con tutti i libri tattili vincitori

Lo hanno scritto, nella loro motivazione, i giovani componenti della giuria che hanno premiato uno dei libri tattili vincitori di “Tocca a te!”, quarto Concorso Nazionale di editoria tattile illustrata. Ben cinquecento persone, provenienti da tutta Italia, sono arrivate ad Assisi per la giornata conclusiva dell’evento, rivelatasi una grande occasione di sensibilizzazione sulla disabilità visiva, la pluridisabilità e l’inclusione. E il libro tattile si è confermato come uno strumento formidabile, capace di abbattere ogni barriera fisica, linguistica e culturale

Un Laboratorio-Punto Vendita che valorizza le diverse intelligenze

Il Laboratorio-Punto Vendita di Milano "L'emozione di conoscere i sapori"

Si chiama “L’emozione di conoscere i sapori” ed è un Laboratorio-Punto Vendita che vende a Milano prodotti alimentari biologici ed è gestito dagli adulti con disabilità e dagli operatori di una Fondazione e di una Cooperativa lombarde. Andiamo a scoprire quale ampio progetto inclusivo si celi dietro a tale realtà, che fa parte di una rete di iniziative sinergiche tra famiglie di persone con disabilità e ricerca scientifica, al fine di determinare occasioni per lo sviluppo cognitivo e affettivo di adulti con disabilità, all’insegna di un’inclusione sociale e lavorativa non assistenzialistica