Società

Può l’economia supportare l’inclusione e lo sviluppo sostenibile?

Realizzazione grafica elaborata per l'incontro del 13 aprile a Padova

«Per un’economia che non cresce sulle spalle delle persone, ma che ne sostiene i passi»: questa frase sintetizza mirabilmente il significato profondo della giornata aperta dedicata al tema “Può l’economia supportare l’inclusione e lo sviluppo sostenibile?”, organizzata per il 13 aprile presso l’Università di Padova, nell’àmbito del Master Interateneo di Secondo Livello “Inclusione e Innovazione Sociale”

Ponte di Calatrava: l’ovovia diventi un monumento a ciò che non si deve fare

La Federazione FISH chiede che l'ovovia al centro del "Ponte della Costituzione" di Venezia non venga smantellata, ma che diventi un "monumento a ciò che non si deve fare". E chiede anche che quel ponte non si chiami più "della Costituzione"

«Quell’ovovia diventi un “monumento a ciò che non si dovrà più fare” e quel ponte cambi nome, senza più offendere la Costituzione Italiana»: così la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), alla notizia che l’ovovia – quel triste manufatto che non avrebbe mai potuto rendere accessibile il quarto ponte sul Canal Grande di Venezia (infelicemente denominato “Ponte della Costituzione”) – verrà smantellata, dopo quasi vent’anni di polemiche e sprechi, documentati costantemente anche dal nostro giornale

Lesioni midollari: non per celebrare, ma per i diritti. E intanto la ricerca…

Lesioni midollari: non per celebrare, ma per i diritti. E intanto la ricerca…

«Non è stato un momento celebrativo, ma un punto di partenza per riaffermare i diritti e le pari opportunità per le tante persone con lesione midollare del nostro Paese, con l’ambizione di avviare un percorso politico che porti le Istituzioni a recepirne le istanze»: così Vincenzo Falabella, presidente della Federazione FAIP, commenta l’evento di ieri, 4 aprile, a Roma, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio, riguardante la Giornata Nazionale della Persona con Lesione al Midollo Spinale. E intanto arrivano notizie interessanti anche dal mondo della ricerca…

Rompere il silenzio sulla violenza nei confronti delle donne con disabilità

Un intervento di street art realizzato a Fondi (Latina), in occasione del 25 novembre 2017 (Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne)

Costruire percorsi educativi rivolti a giovani donne con disabilità che fanno i conti con l’affettività e con la sessualità/riproduttività negata in famiglia e nella società; sensibilizzare la comunità su questi temi; contrastare una cultura doppiamente discriminante verso le donne con disabilità: sono gli obiettivi del progetto denominato “Violenza sulle donne con disabilità #rompereilsilenzio”, promosso dall’Associazione La nostra comunità di Milano, che per realizzarlo sta anche partecipando a una competizione di raccolta fondi per la quale tutti possono votare

Il “DownTour” prosegue speditamente la sua marcia per l’Italia

Il camper dell'AIPD, con i "medici" dell'Associazione - due giovani con sindrome di Down, abbigliati di un camice - che vogliono "curare" il pregiudizio

E continua a diffondere civiltà e a cercare di “curare” i pregiudizi Regione dopo Regione! Parliamo naturalmente del “DownTour”, l’iniziativa voluta dall’AIPD (Associazione Italiana Persone Down), partita da Roma il 21 marzo, e che attraverserà tutta l’Italia attraverso 37 tappe, vissute da un camper con un equipaggio che sarà sempre composto da due persone con sindrome di Down, un operatore e un familiare. Il tutto promuovendo tanti spazi e momenti di incontro, condivisione di storie, socialità e informazione, sempre con l’obiettivo di superare gli stereotipi e combattere i pregiudizi

Disabilità: essere riconosciuti come Persone

Immagine tratta dalla mostra "Diritti accessibili. La partecipazione delle persone con disabilità per uno sviluppo inclusivo", curata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e dalla RIDS (Rete Italiana Disabilità e Sviluppo)

Il titolo scelto per la sessione plenaria conclusiva del convegno internazionale “Essere Persona. La disabilità nel mondo: quali diritti, inclusione e riabilitazione?” sintetizza al meglio i profondi significati di questo importante appuntamento, in programma per domani, 5 aprile, e sabato 6 a Milano. E quale prezioso intermezzo, nella serata di domani, il concerto denominato “Una sinfonia di popoli”, proposto da Esagramma In-Orchestra (Inclusive-Orchestra)

Insieme possiamo trovare risorse importanti contro l’autismo

Il blu è il colore simbolo dell’autismo

«Dobbiamo trovarci uniti in questa occasione e forse riusciremo, se ci crediamo davvero, a trovare risorse importanti»: è questo il messaggio lanciato da Benedetta Demartis, presidente nazionale dell’Associazione ANGSA, a sostegno della campagna “#sfidAutismo19”, promossa fino al 14 aprile dalla FIA (Fondazione Italiana Autismo), per contribuire a migliorare la qualità di vita delle persone con sindrome dello spettro autistico e delle loro famiglie e sostenere la ricerca scientifica, al fine di individuare sempre più precocemente l’autismo e scoprire nuovi interventi per curarlo

È urgente un Piano strategico nazionale sull’autismo

Un giovane con disturbo dello spettro autistico

«In Italia urge un Piano strategico nazionale sull’autismo, che metta in pratica la legge italiana e la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità. Troppi, infatti, sono ancora i diritti negati alle persone con autismo, troppo sole sono lasciate le famiglie»: lo dichiara Roberto Speziale, presidente dell’ANFFAS, alla vigilia della Giornata Mondiale per la Consapevolezza sull’Autismo di domani, 2 Aprile, dedicata dall’ONU al tema “Tecnologie Assistive. Partecipazione Attiva”, per sensibilizzare sulle difficoltà di comunicazione e interazione di questa disabilità complessa

Dentro il blu, fuori dal blu

L'immagine guida dell'undicesima edizione di "cinemAutismo", la rassegna cinematografica che si svolgerà da domani, 2 aprile, al 5 aprile, nel capoluogo piemontese

Colpisce, alla vigilia della Giornata Mondiale per la Consapevolezza dell’Autismo di domani, 2 Aprile, che la maggior parte delle iniziative promosse quest’anno – di alcune delle quali proponiamo una rassegna – si svolgerà all’insegna di una grande concretezza, con la crescente consapevolezza che al di là della mera celebrazione, l’importante è cogliere questa occasione di visibilità, per riaffermare la necessità di garantire – finalmente – i diritti delle persone con autismo e delle loro famiglie. A partire da “Fuori dal blu!”, titolo non casuale scelto dall’Associazione ProgettoAutismo FVG

Autismo: a che punto siamo?

«Non c’è ancora molto da festeggiare – scrive alla vigilia della Giornata Mondiale per la Consapevolezza dell’Autismo Benedetta Demartis, presidente dell’ANGSA (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici) – per le nostre provatissime famiglie, che lottano ogni giorno contro una cruda realtà, dovuta spesso alla lentezza burocratica per arrivare a dei risultati concreti. Tanti sono i ritardi e le mancanze sui servizi da attivare: dalla garanzia delle cure alle liste di attesa, ai centri dedicati. Ma ormai la macchina del cambiamento non potrà più essere fermata»

L’Umbria “in blu”, tra convegni, musica, cinema e camminatori

«Dal 30 marzo al 6 aprile, una vera e propria “onda blu” invaderà l’Umbria, con una serie di iniziative tutte volute allo scopo di contribuire a migliorare la qualità della vita delle persone con autismo»: così l’ANGSA Umbria (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici) presenta il ricco programma di eventi, promosso con il supporto delle Istituzioni nazionali e locali, in occasione dell’ormai imminente 2 Aprile, Giornata Mondiale per la Consapevolezza dell’Autismo

Mai più soli: per mano oltre il labirinto dell’autismo

Un pomeriggio di incontri sul tema dell’autismo, per raccontare esperienze di consapevolezza e fornire gli strumenti per un inserimento possibile, a partire da una diffusa sensibilità collettiva sul tema: sarà questo “Mai più soli: per mano oltre il labirinto dell’autismo”, evento organizzato per domani, 29 marzo, a Milano, dall’Associazione Portami per Mano, in collaborazione con la Fondazione Aiutiamoli, la Fondazione Sacra Famiglia e il Comitato Uniti per l’Autismo. Tra gli ospiti anche il sindaco di Milano Giuseppe Sala e il noto musicista Elio, testimonial di Uniti per l’Autismo

Racconto nelle scuole la mia vita, con un disturbo specifico di apprendimento

«La testimonianza diretta dei giovani dislessici è molto importante per coinvolgere i bambini e i ragazzi, sensibilizzandoli sui temi come l’inclusione scolastica e sociale e costituisce uno stimolo positivo e propositivo per tutti i giovani che stanno costruendo la propria identità»: viene presentato così, dall’AID (Associazione Italiana Dislessia), il Progetto “My Story”, che si articola su una serie di incontri nelle scuole d’Italia, ove alcuni giovani con dislessia o altri DSA (disturbi specifici di apprendimento) raccontano la loro esperienza, condividendo vissuti e riflessioni

Per accendere una luce sull’autismo, il 2 Aprile… e per tutto l’anno

Tra le varie iniziative proposte in queste settimane in occasione dell’imminente Giornata Mondiale per la Consapevolezza dell’Autismo del 2 Aprile, quelle promosse ormai da alcuni anni dall’ANGSA di Sassari (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici), caratterizzate appunto dal titolo “Aspettando… il 2 Aprile”, non costituiscono certo un momento “isolato”, nel corso dell’anno, ma l’apice di visibilità per una serie di progetti condotti in modo costante dall’Associazione sarda, soprattutto guardando alle scuole e allo sport

Il 2 Aprile serva a far sì che casi del genere non si ripetano mai più!

Leggere di un ragazzo con autismo che ha tentato il suicidio in classe, dopo le continue vessazioni subìte da parte dei compagni, ci lascia letteralmente senza parole, riportandoci a quanto ha scritto nei giorni scorsi un genitore, sulle nostre stesse pagine, a proposito dell’imminente 2 Aprile, Giornata Mondiale per la Consapevolezza dell’Autismo: «Il 2 Aprile deve essere una giornata di lotta, perché in gioco sono i diritti dei nostri figli, il loro presente e soprattutto il loro futuro». Ecco, lotta, e non solo il 2 Aprile, per non dover più leggere notizie come quella. Ma sul serio!

Persone con lesione midollare: la nostra voce nel cuore delle Istituzioni

«Portare nelle Istituzioni le istanze delle persone con lesione midollare vuol dire far conoscere da vicino i bisogni non più differibili ai quali è urgente trovare le risposte più appropriate possibili»: lo dichiara Vincenzo Falabella, presidente della Federazione FAIP, presentando l’evento con cui domani, 4 aprile, verrà celebrata a Roma, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio, la Giornata Nazionale della Persona con Lesione al Midollo Spinale. E in quella stessa giornata si parlerà anche di promettenti ricerche, volte a favorire la riparazione delle lesioni midollari

Autismo: il giusto ritmo all’insegna dell’armonia

In greco “Euritmia” significa “buon ritmo”, ovvero – muovendosi qua e là soprattutto nella storia dell’arte, ma anche nel campo delle scienze – “espressione del giusto ritmo all’insegna dell’armonia”. Ed “Euritmie. Talenti speciali accedono alle arti” è l’ormai tradizionale rassegna scientifica e socio-culturale nata da un’idea dell’Associazione ANGSA Veneto e curata dal Coordinamento Autismo Veneto, il cui programma sta per entrare nel vivo, tra convegni, esposizioni d’arte e incontri di sensibilizzazione, in vista della Giornata Mondiale per la Consapevolezza dell’Autismo del 2 Aprile

Quando la disabilità si fa Università di Creatività

Non è un concorso, ma una bella vetrina, che proporrà tanti significativi esempi di come la disabilità possa sconfiggere le difficoltà e trasformarsi in opportunità, con realizzazioni di qualità assoluta. È la mostra “Creatività + Genialità = Arte”, proposta a Torino, tra maggio e giugno, dal Centro Studi Cultura e Società, nell’àmbito del Progetto “Le diverse … ita (Quando la Disabilità si fa Università di Creatività)”. La partecipazione, gratuita, è aperta fino al 30 marzo ed è riservata ad opere edite, opere letterari singole e opere artistiche e di artigianato di Autori con disabilità

Rispetto: per tutte le Persone con disabilità. È questo il punto di non ritorno

«Fin qui – scrive Simonetta Morelli, commentando il video realizzato dal CoorDown per la Giornata Mondiale delle Persone con Sindrome di Down del 21 marzo scorso – le persone con la sindrome di Down hanno guadagnato posizioni grazie soprattutto al lavoro delle famiglie e dell’associazionismo. Ma è il mondo che manca, che le lascia indietro». «Il punto – conferma Martina Fuga, responsabile della comunicazione del CoorDown – non è quanto io sia brava ad adattarmi al mondo, ma quanto il mondo mi fa spazio e mi viene incontro». «Rispetto – conclude Morelli -: è questo il punto di non ritorno»