- Superando.it - https://www.superando.it -

Tagli del sostegno e dell’assistenza: istruzioni per l’uso

Bimbo alla lavagna, con aria corrucciataNei casi di forte contrazione – rispetto al precedente anno scolastico -delle ore di sostegno o di quelle destinate all’assistenza per l’autonomia e/o la comunicazione oppure nei casi di riduzione sulle ore richieste – situazioni, purtroppo, non certo infrequenti, soprattutto in questi tempi – vi sono alcune azioni che le famiglie possono attuare, sulle quali ci siamo già più volte soffermati in passato, ma che vale sempre la pena di ricordare, proponendo anche un paio di modelli di riferimento (cliccare qui e qui).

In primo luogo, quindi, le famiglie dovrebbero inviare una diffida tramite raccomandata con ricevuta di ritorno (senza busta, ma piegando il foglio in tre, spillandolo e scrivendo sul retro da un lato il mittente e dall’altro il destinatario).
Per quanto riguarda le ore di sostegno, la diffida va inviata al Dirigente Scolastico e all’Ufficio Scolastico Regionale, e per conoscenza (per fax o posta elettronica)anche alle due Direzioni del Ministero indicate nei modelli proposti.
Per quanto riguarda invece le ore di assistenza, il destinatario della diffida dev’essere il Comune di residenza, per la scuola materna, elementare e media, la Provincia di residenza per le scuole superiori.

Qualora poi la diffida non sortisca alcun effetto, si renderà necessario fare un ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale (TAR), con spese a carico dell’Amministrazione. Per avviare tale azione, è necessario disporre di:
1. la determinazione del Dirigente Scolastico, con il numero delle ore di sostegno o di quelle dell’assistenza per l’autonomia e/o la comunicazione assegnate all’alunno per l’anno scolastico in corso;
2. la determinazione dell’Ufficio Scolastico Provinciale o Regionale, con il numero di ore assegnate alla scuola per l’anno scolastico in corso;
3. la comunicazione del Comune o della Provincia alla scuola, che indica il numero di ore di assistenza per l’autonomia e/o la comunicazione assegnate alla scuola per l’anno scolastico in corso;
4. Se c’è stata una diminuzione di ore rispetto all’anno scolastico precedente, un’attestazione della scuola del precedente anno, che indichi quante ore di sostegno o di assistenza per l’autonomia e/o la comunicazione erano state assegnate.
Poi bisogna naturalmente rivolgersi a un avvocato, che impugni tali documenti presso il TAR.

Da segnalare che per richiedere contemporaneamente un aumento di ore sia per il sostegno che per l’assistenza, non occorre fare due ricorsi distinti, pur essendo diverse le autorità contro cui ricorrere, gli atti da impugnare e le richieste da prospettare, nonché le fonti normative cui appellarsi.
Il ricorso, infine, si può presentare entro sessanta giorni dall’inizio dell’anno scolastico o da quando si è avuta la certezza documentabile che sono state assegnate meno ore. Talora, infatti, all’inizio dell’anno il Dirigente sostiene di essere in attesa di altre ore. In ogni caso non è mai prudente superare i sessanta giorni dall’inizio dell’anno scolastico.

*Vicepresidente nazionale della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap). Responsabile del Settore Legale dell’Osservatorio Scolastico dell’AIPD (Associazione Italiana Persone Down). Il presente testo riadatta una scheda già pubblicata nel sito dell’AIPD, per gentile concessione.

Ricordiamo ancora che il Modello di diffida per ottenere le ore di sostegno in deroga e il Modello di diffida per ottenere ore di assistenza per l’autonomia e/o alla comunicazione sono disponibili cliccando rispettivamente qui e qui.