- Superando.it - https://www.superando.it -

Riflettori internazionali per la Costa dei Trabocchi

Trabocchi in Abruzzo

Le antiche macchine da pesca denominate “trabocchi” danno il nome all’omonima costa abruzzese

L’avevamo ampiamente presentato qualche settimana fa, il progetto abruzzese Via Verde della Costa dei Trabocchi, voluto in Provincia di Chieti, per far sì che l’intera realizzazione e l’ininterrotta comunicazione della relativa pista ciclo-pedonale da realizzare sulla fascia litoranea che attraversa le aree ferroviarie dismesse sulla linea Adriatica (tra i Comuni di Ortona e di Vasto), possa rispondere alle esigenze di ogni categoria di turista, anche a quelle di famiglie con passeggini, di donne in stato di gravidanza, di persone con disabilità, di anziani e di chi, per i più svariati motivi, abbia problemi di deambulazione (ad esempio persone infortunate con le stampelle).
Fondamentale, per altro, è stata la collaborazione dell’associazione teatina Diritti Diretti e del Laboratorio Accessibilità Universale dell’Università di Siena, che hanno offerto la loro competenza specialistica all’iniziativa.

Ebbene, oggi tutti i promotori del progetto possono legittimamente andar fieri del fatto che tra le numerose candidature provenienti da diciassette Paesi, esso è risultato tra i cinquantacinque selezionati dalla Design for all Foundation per il Design for All Foundation Awards 2013, prestigioso riconoscimento internazionale che viene assegnato a quelle iniziative pubbliche, private o non profit, distintesi per il loro tentativo di consentire la partecipazione a tutti i Cittadini su basi di pari opportunità. Fatto poi non certo secondario, la Via Verde della Costa dei Trabocchi è stata l’unica selezionata per quanto riguarda gli enti pubblici italiani. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@dirittidiretti.it.